Astinenza come soluzione al problema Incel ?

Aperto da Serenissimo, 2 Maggio 2019, 08:38:22 PM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Serenissimo

https://www.ilredpillatore.org/2018/10/la-soluzione-al-problema-incel-l.html

La Soluzione al Problema Incel? L' Astinenza

Caro Redpillatore,

leggo la tua pagina da qualche tempo e, attraverso di essa, ho appreso dell'esistenza della LMS Theory.

Devo confessarti che non sono molto avvezzo ai social media, anche per questioni anagrafiche (credo di essere più vecchio di te e della gran parte degli utenti della tua pagina); tuttavia vi ho trovato la conferma a convinzioni profonde maturate in una vita in cui mi è spesso capitato, per caso o per lavoro, di occuparmi di coppie separate o divorziate.

I complimenti per la tua pagina sono, in tal senso, davvero sentiti.

Ciò posto, mi permetto di proporti quelli che non sono certo dei "correttivi" alla teoria, che anzi poggia su basi solidissime, ma semplici pensieri – parole in libertà, diciamo pure- circa un tema che mi appare decisivo.

La domanda fondamentale a cui penso cerchino risposta ogni giorno della loro vita buona parte degli uomini, ivi inclusi coloro che visitano la tua pagina è: dunque, che fare?


Appurato cioè che risponde al vero tutto quanto la teoria LMS afferma e che, quindi, per molti una normale relazione resterà solo un miraggio, se non dopo i 40/50, dato per scontato tutto ciò... ch'avemo a ffà? Se femm?

Se posso, vorrei provare in qualche modo a dare una risposta. Fondamentalmente, le vie sono due: la prima, arcinota, è la prostituzione. Sul punto non mi dilungo perché mi sembra tu abbia già sviscerato l'argomento più volte.
C'è però anche una seconda strada, sempre più snobbata al giorno d'oggi, che in passato ha però avuto grande successo: l'astinenza.

Con ciò intendo non solo la mancanza di rapporti sessuali (quella è ovvia, se stiamo parlando di incel...), ma di qualunque attività sessuale (masturbazione compresa).
Riderai, probabilmente, o forse no. Ma quel che dico è vero.
Non è difficile vivere senza sesso; solo i primi tempi sono un po' duri, ma poi diventa assolutamente naturale. Il testosterone, anche se non sembra, è una bestia facile da addomesticare perché si, è feroce, ma anche prevedibile.

All'uomo che decida di vivere così si spalancano orizzonti, oceani, universi.È incredibile quale parte della nostra vita e delle nostre energie siano monopolizzati dal sesso; ed in fondo, a pensarci bene, si tratta di una giostra folle: ci lanciamo in avventure pericolosissime, ci copriamo di ridicolo, ci sobbarchiamo di spese spaventose, il tutto per giungere al tanto agognato deliquio post orgasmico.



Il quale presenta poi tutti i suoi costi, mai indifferenti, il più delle volte enormi, in termini economici, di stress, di autostima, di tempo perduto.
Se non erro –ma è probabile che invece sia così- esiste una definizione che il gergo "redpill" dà di chi abbia intrapreso questa strada: "volcel".
Se posso permettermi, anzi, sarebbe bello che dedicassi a questo tema qualche articolo in più.

Al di là delle questioni terminologiche, però, si tratta un fenomeno antichissimo: pensa al monachesimo (cristiano e non), all'eremitismo, all'anacoretismo che per secoli e millenni il mondo ha conosciuto.

Ad essere onesti, anzi, quasi tutti i più grandi saggi della storia, da Buddha a Gesù Cristo, potrebbero oggi definirsi "volcel".



Non è una forma di ribellione verso un sistema che –è un fatto oggettivo- si va ormai avvitando in una spirale autodistruttiva.
Non è nemmeno la scelta di chi si improvvisi entomologo del genere umano, preferendo osservare
la vita piuttosto che viverla, magari creandoci sopra una pagina Facebook...

Nossignore, è molto di più: è riconquista della propria libertà.
Non più marionette della Natura, non più vittime del ruolo di "riproduttori" che la società ha ritagliato per noi, ma Uomini. Certo, dirai tu, la sessualità è importante; è un bisogno naturale, quanto quello di nutrirsi e dissetarsi. E chi lo nega? ​

Tuttavia, mentre non si può vivere senz'acqua o senza cibo, vivere senza sesso si può.
Si riacquista anche la propria razionalità (non a caso, come detto, proprio i saggi spesso vivono in "castità"), perché si vede la realtà per quello che è, non più deformata attraverso la lente del sesso.
Non sto suggerendo ai ragazzi di oggi di emulare Origene, evirandosi. Certo che no.
Ma di essere Uomini, questo si. Senza contare che l'assenza interesse verso il genere femminile,
soprattutto quando sia naturale (e non ostentata, come quella che consigliano i PUA), disorienta le
donne conducendole a reazioni esilaranti.
Di più, se diffusa, essa giungerebbe ad intaccare l'essenza stessa del loro potere.
Del resto, non è nemmeno scelta da consigliarsi esclusivamente ai brutti. Anche i belli, infatti,
invecchiano, magari impoveriscono, e si ritrovano soli. Potrei sbagliarmi ma credo che tu stesso, in un recente post, abbia messo in luce quest'aspetto.
Direi addirittura che per i belli ritrovatisi di colpo brutti è forse anche peggio, perché rimpiangono
la vita che non hanno più (i brutti invece rimpiangono in genere assai poco) e si vengono a trovare
in una condizione che non sanno minimamente gestire.

Considera peraltro che il periodo che abbiamo da vivere come brutti (over 50) non è inferiore a quello che avremo vissuto da belli e sessualmente attivi, posto di esserlo mai stati. Ergo, farsi due conti non sarebbe male per nessuno.

Quella dei "volcel" è, alla fine, la scelta più razionale, anche se la meno conveniente per la società nel suo complesso.
È, in fondo, la Ragione che vince sull'istinto e, perché no, sulla Natura stessa.
E, del resto, come diceva il più celebre degli Incel, redpillato ante litteram, quest'ultima è madre di parto, ma di voler matrigna. Dunque non mi preoccuperei più di tanto di ignorare i suoi piani, perché in essi il nostro benessere non è neanche lontanamente contemplato.
Essere liberi, anzi, Liberi; non di quella libertà fasulla che ci viene propinata ogni giorno: libertà di
godere, di scopare, di darsi a qualunque piacere che presto diventa vizio, e dunque droga su cui campano migliaia di avvoltoi.
Questa finta libertà, che poi, al contrario, è appunto schiavitù, non giova a nulla. Gli attori porno versano, quasi tutti, in grave depressione, nonostante l'invidia e l'idolatria di cui sono fatti oggetto.

Schiavi del loro stesso piacere, divenuto droga.


Quella di cui parlo io è un'altra cosa: è Libertà vera, sano distacco dalle proprie pulsioni che conduce a uno stato di felicità diversamente irraggiungibile e conferisce una forza spaventosa in qualunque relazione umana. Si tratta, alla fine, di essere Uomini; il che, oltre che un diritto, è un dovere morale.
Bene, mi son dilungato oltre ogni misura (ed, anzi, ho ridotto più volte il pezzo...). Per questo motivo mi scuso, ti ringrazio e ti saluto.

Continua così.


Il proph.


Il Redpillatore Risponde

Ciao, leggendoti mi è venuto in mente Napoleon Hill, non so se lo conosci.
Nel suo libro più celebre, "Pensa e arricchisci te stesso", molto famoso nella community pua e menzionato anche in The Game di Neil Strauss, parla della "trasmutazione sessuale", ovvero del convogliare le energie sessuali verso altre attività e ritiene che sia proprio la capacità di incanalare l'impulso sessuale, che è l'energia più forte che Madre Natura ci ha dato, ciò che fa la differenza tra mediocrità e genialità.

Penso che il tuo discorso sia sensato, e se uno riesce a fare a meno di pensare al sesso e non farsi rovinare la vita dall'incelness buon per lui.

Su di me ho sempre trovato il discorso inapplicabile.
Non ricordo di aver passato una settimana in vita mia senza masturbarmi e anche quando avevo una ragazza e avevo rapporti più o meno regolari, ogni volta che ritornavo a casa dopo essermi incontrato con lei mi masturbavo ugualmente.

Credo che il desiderio sessuale sia estremamente soggettivo, oltre che dipendente dall'età (mi pare di capire che tu abbia intorno ai 40-50 anni quindi in parte il tuo punto di vista potrebbe anche essere influenzato dalla tua età), quindi sublimare il desiderio sessuale in altre attività non è per tutti così semplice.

Però, ripeto, se uno vuole prendere quella strada io certo non glielo impedisco, anche se francamente avrei zero consigli da dargli a tal proposito ed ecco perché non parlo di quel tema.

Considera però anche un'ultima cosa: diversi studi dimostrano come masturbarsi sia importante dal punto di vista salutistico. Il ristagno del liquido seminale favorisce la comparsa di prostatiti ed è anche associato ad un maggior rischio di cancro alla prostata

Temo quindi che eliminare anche totalmente la masturbazione non sia proprio consigliabile.

Ciao e grazie di seguirmi!
   
   
   
   
   
Da una dona a un molin no gh'è gran diferenza.

Serenissimo

#1
N.B. Coscienza Maschile non vuole in alcun modo invitare gli uomini ad evitare le donne senza se e senza ma , ma ho messo quest'articolo per dovuta conoscenza verso il lettore e magari dare la possibilità di dire la propria .

Il sottoscritto , comunque, concorda con parte dell'articolo, nel senso che il testosterone sia assolutamente domabile e rende un uomo sicuramente più "interessante" alle donne. Attenzione questo non significa che anche il più santo non possa cadere periodicamente nell'autoerotismo, sia chiaro che siamo umani e non esseri spirituali , ma invito tutti a provare anche a dominare ed incanalare i propri impulsi , il che significa un notevole guadagno dal punto di vista fisico .

Citazionemasturbarsi sia importante dal punto di vista salutistico. Il ristagno del liquido seminale favorisce la comparsa di prostatiti ed è anche associato ad un maggior rischio di cancro alla prostata

Personalmente non sono molto d'accordo, ma magari mi sbaglio .
Da una dona a un molin no gh'è gran diferenza.

Finnegan

Post che descrive mirabilmente la libertà, l'energia, gli orizzonti che si schiudono quando si è capaci di dominare virilmente i propri impulsi. La risposta un po' meno, ma fa niente :biggrin:
Certo che non bisogna evitare le donne per partito preso ma in un contesto di relazioni tossiche l'astinenza è la scelta migliore.
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Padano74

Se posso, vorrei provare in qualche modo a dare una risposta. Fondamentalmente, le vie sono due: la prima, arcinota, è la prostituzione. Sul punto non mi dilungo perché mi sembra tu abbia già sviscerato l'argomento più volte.

Dove si è trattato l'argomento prostituzione?

Risposta rapida

Attenzione: non sono stati aggiunti messaggi in questa discussione negli ultimi 120 giorni.
A meno che tu non voglia realmente rispondere, prendi in considerazione l'idea di iniziare un nuova discussione.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima