Omicidio Sciacquatori, ovvero della giustificazione del maschicidio

Aperto da Serenissimo, 25 Maggio 2019, 06:35:26 PM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Serenissimo

https://www.ilprimatonazionale.it/cronaca/omicidio-sciacquatori-giustificazione-maschicidio-119277/

Poche le informazioni certe sui fatti del caso Monterotondo. Ideologico e iniquo il modo in cui la notizia dell'uccisione del 41 enne Lorenzo Sciacquatori è stata trattata. La preoccupazione principale della stampa non è stata quella di ricostruire i fatti ma di veicolare, ancora una volta, il messaggio che gli uomini sono tutti dediti alla violenza.

Nessuno ha pronunciato una parola sul parricidio compiuto da Deborah. Piuttosto l'urgenza è stata quella di giustificarla: "In tutti i modi ha tentato di dissuaderlo" leggiamo nelle cronache, "implorava di fermarsi", riporta qualcun altro. "Poi la 19 enne ha impugnato un coltello e ha colpito l'uomo alla nuca, uccidendolo". A tradimento.

Il pugile di 41 anni è morto almeno due volte: quando la figlia gli ha conficcato un coltello dietro il collo nel corso di una violenta lite. E quando è stato dipinto come un mostro: iracondo, ubriaco, inattivo, facile pensare che quella morte se la sia meritata, se la sia cercata.

Il procuratore, che ha il compito di difendere la vittima, si è schierato infatti con l'imputata, affrettandosi a chiedere per lei i domiciliari. Il morto "non era così violento – ha spiegato un conoscente durante il funerale – è la stampa che ha montato tutto". Possiamo interrogare l'ammazzato? Ma ci sarà un processo? Quell'urlo "Sei un grande Loré" basta a riscattare la reputazione di un uomo vinto? (no, però spezza in parte il forcaiolismo contro gli uomini vittime di violenza da parte di una donna a suon di "lui la maltrattava poverina, chissà cosa le ha fatto etc.)

"Per delineare la personalità dello Sciacquatori occorre sapere che lo stesso era stato denunciato dalla compagna convivente per maltrattamenti nel maggio 2014", fanno sapere gli inquirenti. Non deve essere stato però così pericoloso, Lorenzo, se la coppia, poco dopo, aveva ripreso la convivenza continuata per 5 anni senza denunce né da parte della donna, dei familiari o dei vicini, né richieste di intervento ai Carabinieri". Ma sulla stampa leggiamo di un uomo capace di violenze inenarrabili. Un escamotage per sdoganare l'omicidio per legittima difesa? Allora a cosa serve spendere decine di milioni di euro all'anno per le case rifugio, la rete dei centri antiviolenza, il 1522, il codice rosa, il codice rosso e tutte le corsie preferenziali propagandate come "finalmente qualche misura a tutela delle donne" se poi non sono utili a fermare gli omicidi? (a un caxxo, è un business che costa un'abnorme quantità di soldi pubblici e che DEVE FINIRE.)
Due pesi e due misure

Casi analoghi hanno avuto finali molto diversi: siamo di fronte a due pesi per due misure. Luigi Celeste per parricidio si è preso 9 anni di carcere per aver ucciso il padre che picchiava la madre. Anche Pietro Basile sta scontando in carcere 16 anni per aver ucciso il padre a difesa della madre che prendeva botte dal consorte. Stessi moventi di Deborah Sciacquatori, che è diventata un'eroina per tante donne.

In questi giorni, a margine, si sono conclusi anche i procedimenti nei confronti delle due madri che avevano ammazzato i figli e che sono state ritenute incapaci di intendere e volere, non faranno il carcere ma accompagnate in percorsi riabilitativi. Come è possibile che gli uomini sono responsabili delle proprie azioni al 100%, mentre le donne non sono ritenute responsabili di quello che fanno? 

In quel maledetto 19 maggio lo Sciacquatori rientra a casa all'alba, sfatto e ubriaco; se la prende con le 4 donne con cui divide la sua sciagurata vita, gravata dalla vergogna di non avere uno straccio di lavoro, di essere un peso per sé e per la compagna, per sua madre quasi cieca e per la figlia Deborah, 19 anni anche lei boxeuse. E' Deborah che atterra il mostro, disarmato e gli pianta la lama nella nuca.

Se Lorenzo malauguratamente avesse avuto la meglio, se fosse morta lei nella colluttazione, l'indignazione e il disprezzo sarebbe enorme. La condanna sarebbe unanime. La domanda è: come mai la morte per coltello affondato nella nuca di Lorenzo sembra insufficiente a placare l'indignazione? Perché il padre morto ammazzato è il carnefice e la figlia, che lo ha ucciso, è la vittima.

Antonietta Gianola



Da una dona a un molin no gh'è gran diferenza.

Finnegan

Commenti in rosso molto opportuni!
Ma come si fa a giustificare una coltellata alla nuca di un uomo disarmato?
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Serenissimo

Citazione di: Finnegan il 25 Maggio 2019, 09:41:05 PM
Commenti in rosso molto opportuni!
Ma come si fa a giustificare una coltellata alla nuca di un uomo disarmato?

Mi piacciono le opinioni controcorrente, specie se femminili.
Ovvio, lei agli occhi delle femministe è un'eronia ancora prima di aver iniziato il processo.

Aspettiamo l'autopsia perchè sono sicuro che usciranno sorprese.
Da una dona a un molin no gh'è gran diferenza.

Derry

Mi risulta che, in caso di un incidente stradale, a tutti quelli che sono coinvolti vengano eseguiti i test per stabilire se abbiano fatto uso di alcool/droghe/etc, questo per accertare la verità.

Credo che, in caso di fatti di fatti di sangue come quello di cui stiamo parlando, gli esami scientifici per lesioni non dovrebbero limitarsi alla vittima, ma dovrebbero essere estese (di routine) a tutte le persone coinvolte: i segni di anni di botte e pestaggi non spariscono nel giro di poche ore.

Risalire alla verità non è poi così difficile... ;)
"Nothing can stop the man with the right mental attitude from achieving his goal; nothing on earth can help the man with the wrong mental attitude."

Finnegan

No, ma i giornali non hanno fatto cenno a questi accertamenti. Una sentenza già scritta?
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Derry

Citazione di: Finnegan il 26 Maggio 2019, 09:25:57 AM
No, ma i giornali non hanno fatto cenno a questi accertamenti. Una sentenza già scritta?

Purtroppo oggi molti processi non si fanno nei tribunali, ma nelle trasmissioni di certa tivù-spazzatura o nei telegiornali politicamente corretti...
"Nothing can stop the man with the right mental attitude from achieving his goal; nothing on earth can help the man with the wrong mental attitude."

Risposta rapida

Attenzione: non sono stati aggiunti messaggi in questa discussione negli ultimi 120 giorni.
A meno che tu non voglia realmente rispondere, prendi in considerazione l'idea di iniziare un nuova discussione.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima