Ora difendono anche le madri alienanti in TV...

Aperto da Serenissimo, 15 Ottobre 2019, 09:41:01 PM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Serenissimo

https://www.facebook.com/Associazioneflage/posts/2228954437344034?__xts__
  • =68.ARAQ8fewmgMUfwVNIQjubtaW7YIykJE3LMNwbSQ_owSB8uRMTAAgDhQs6uP1yqFhPbZN_uwjED3DZ4RuPqVPo2TgKqWzcRP3xFezn0SV4C29eJwSRGu8pjLVtLLSBSGH5HZ0g1h2qHLOWfQFezl9UTVP-1wncdvgZ2cO-H4Bo6S0cu3uaeOmLTWvJKlEa7sEYPLJThOLPQt6rX6n6AcPKy7K69c48bcWE0W0MsYVW1_LhAxHZySUgINixkDa8PiDs6M8v81O7FsiT6RVihWFo8ZZ15CZ7VNOczBT10mtpEj4uHbkuuRxfuybFf23wSSfAqE906ga7oRLPL83Gy21dZ99&__tn__=-R

    L'associazione nazionale FLAGe figli liberi dalla alienazione genitoriale esprime il proprio rammarico e la propria contrarietà su ciò che è andato in onda sul tg5 delle ore 20.00. Il servizio di Manuela Baldi sul caso della madre alienante è stato scorretto e privo di contradditorio. La signora in questione ha una sentenza del tribunale che impone l'allontanamento del figlio a causa della sua opera manipolatoria nei confronti del bambino, ma non è questo il punto. La giornalista ha dato voce ad una associazione di donne, ad una madre e a una parlamentare che negano l'esistenza della alienazione genitoriale adducendo si tratti di una teoria inattendibile e bocciata dalla comunità scientifica internazionale e dalla organizzazione mondiale della sanità oltre che rigettata da sentenze di cassazione. Tutto ciò non corrisponde al vero e chiediamo una immediata smentita e un contradditorio con la nostra associazione che rappresenta genitori, nonni e zii che non vedono più figli e nipoti perché alienati. Ricordo alla signora Baldi che l'alienazione genitoriale che altro non è che una manipolazione psicologica è inserita in tutti gli scritti internazionali che parlano di disturbo narcisistico della personalità e in particolare nel DSM5 dove si fa un chiaro riferimento all'alienazione "...Problemi cognitivi possono comprendere attribuzioni negative alle intenzioni altrui, ostilità verso gli altri o rendere gli altri capro espiatorio, e sentimenti non giustificati di alienazione."
    Ma ci sono altri punti del DSM-5 che descrivono la PAS. Li riportiamo tutti in inglese:
    Child psychological abuse" nonaccidental verbal or symbolic acts by a child's parent or caregiver that result, or have reasonable potential to result, in significant psychological harm to the child."
    Child affected by parental relationship distress" when the focus of clinical attention is the negative effects of parental relationship discord (e.g., high levels of conflict, distress, or disparagement) on a child in the family, including effects on the child's mental or other physical disorders."
    Factitious disorder imposed on another" falsification of physical or psychological signs or symptoms, or induction of injury or disease, in another, associated with identified deception."
    Delusional symptoms in partner of individual with delusional disorder" In the context of a relationship, the delusional material from the dominant partner provides content for delusional belief by the individual who may not otherwise entirely meet criteria for delusional disorder.
    Alla organizzazione mondiale della Sanità è stata semplicemente scritta una lettera da alcuni ricercatori negazionisti.
    Mentre la società italiana di neuropsichiatria dell'infanzia e dell'adolescenza riconosce l'alienazione come abuso, infatti nelle linee guida in tema di abuso sui minori viene classificata come abuso nella sezione 3.3 e compare come abuso psicologico." L'abuso psicologico include: gli atti di rifiuto, di terrorismo psicologico, di sfruttamento, di isolamento e allontanamento del bambino dal contesto sociale (Garbarino e Garbarino, 1980)." Le linee guida tengono conto delle indicazioni contenute nel Piano Sanitario Nazionale, nel Progetto Obiettivo Materno Infantile e nel Progetto Obiettivo Salute Mentale. Raccolgono non solo le definizioni di abuso dell'OMS, le classificazioni e i criteri di valutazione clinica e psicosociale, ma anche una descrizione dettagliata delle strategie di prevenzione e di contrasto, oltre che delle procedure operative da attuare nel caso di abuso.

    La Società Italiana di Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza ritiene opportuno esprimere il proprio parere in merito all'eco destata dalla recente sentenza n. 7041 del 20.03.2013 della Corte di Cassazione e dalle affermazioni ivi contenute circa la nozione di PAS (Parental Alienation Syndrome). In primo luogo, al di là dell'opportunità che l'autorità giudiziaria si sostituisca alla comunità scientifica nel rilasciare giudizi su argomenti altamente specialistici, si ritiene che il problema relativo all'esistenza o meno di una "sindrome" legata all'alienazione di una figura genitoriale venga posto in modo incongruo. Fenomeni come il mobbing, lo stalking ed il maltrattamento esistono ed assumono valenze giuridiche a prescindere dal riconoscimento di disturbi identificabili come sintomatici. La comunità scientifica è concorde nel ritenere che la alienazione di un genitore non rappresenti di per sé un disturbo individuale a carico del figlio ma piuttosto un grave fattore di rischio evolutivo per lo sviluppo psicoaffettivo del minore stesso. Tale nozione compare già nel DSM IV nel'Asse V tra i Problemi Relazionali Genitore – Figlio; è previsto il suo inserimento nella prossima edizione del DSM V all'interno della nuova categoria dei Disturbi Relazionali, in quanto il fenomeno origina da una patologia della relazione che include il bambino ed entrambi i genitori, ognuno dei quali porta il proprio contributo. In secondo luogo, colpisce come la Suprema Corte abbia espresso il proprio parere senza fare riferimento ai principi enunciati nella sentenza Cozzini (Cass. Pen. 17.09.10, n. 43786) la quale ha stabilito i criteri di scientificità di una teoria tra cui la "generale accettazione" della teoria stessa da parte della comunità di esperti. Sotto questo profilo, si sottolinea come esista una vasta letteratura nazionale ed internazionale che conferma la scientificità del fenomeno della Parental Alienation, termine questo da preferirsi a quello di PAS; negli Stati Uniti ad esempio tale costrutto ha superato i criteri fissati dalle Frye e Daubert Rules per essere riconosciuti come scientificamente validi dalle competenti autorità giudiziarie. La nozione di Alienazione Parentale è inoltre riconosciuta come possibile causa di maltrattamento psicologico dalle Linee Guida in tema di abuso sui minori della SINPIA (2007). La SINPIA ribadisce come sia importante adottare le precauzioni e le misure necessarie, come impongono le recenti sentenze della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, per garantire il diritto del minore alla bigenitorialità e tutelarlo dagli ostacoli che lo possono minacciare.
    Per quanto riguarda le sentenze la signora Baldi ha dimenticato di citare tutte quelle che riconoscono l'alienazione genitoriale.
    Primo Grado (Tribunale)
    2018 – Tribunale di Brescia, Sentenza n. 815/2019 pubbl. il 22/03/2019
    2018 – Tribunale di Brescia, Ordinanza 19 novembre 2018
    2018 – Tribunale minorenni di Brescia, Decreto n. 1990 del luglio 2018
    2018 – Tribunale di Castrovillari, Sentenza n. 728 del 27/07/2018
    2017 – Tribunale di Cosenza, Sentenza n. 2044 del 18/10/2017
    2017 – Tribunale di Milano, sez IX Civ., decreto del 9 – 11 marzo
    2016 – Tribunale di Bergamo, sentenza n. 3101/16
    2016 – Tribunale di Roma, sentenza n. 18799/16
    2016 – Tribunale di Potenza, Ordinanza n. 1816
    2016 – Tribunale di Trani, Ordinanza n. 5149
    2015 – Tribunale di Roma, sentenza n. 18475
    2015 – Tribunale di Roma, sentenza n. 5128
    2015 – Tribunale di Treviso, Sentenza n. 1452
    2015 – Tribunale di Cosenza, sez. II, decreto n. 778
    2014 – Tribunale di Firenze sez. II, n. 5706
    2014 – Tribunale di Forlì, Sez. Pen., del 31/03/2014
    2014 – Presidente della IX Sezione del Tribunale di Milano, del 13 ottobre
    2012 – Tribunale di Bari sez. I, 6 settembre 2012, n. 2771
    2010 – Tribunale di Matera, 11 febbraio 2010
    2010 – Tribunale per i Minorenni di Bari, 27 ottobre 2010
    2007 – Tribunale di Messina, 5 aprile 2007, n. 597

    Secondo Grado (Corte Appello)
    2017 – Corte d'Appello di Roma, Sez. Famiglia, Sentenza del 23 aprile n. 1927
    2016 – Corte d'Appello di Venezia, Sez. IV Civ., Sentenza del 06 aprile
    2015 – Corte d'Appello di Catanzaro, 18 dicembre 2015
    2013 – Corte d'Appello di Brescia, 17 maggio 2013
    2009 – Corte d'Appello di Firenze, 12 febbraio 2009

    Terzo Grado (Cassazione)
    2019 – Cassazione Civile, Sez. I, sentenza n. 13274/19, Pres. Giancola, Rel. Iofrida.
    2017 – Cassazione civile, Sez. I, sentenza n. 22744, Pres. Cristiano, Rel. Terrusi
    2017 – Cassazione, sez. I, n. 21215/17, Pres. Di Palma, Rel. Di Marzio
    2017 – Cass, sez. I Civile, n. 15200 (Pres. Di Palma, rel. Di Marzio)
    2017 – Cass, sez. I Civile, n. 2770 (Pres. Bernabai, rel. Valitutti)
    2016 – Cass, sez. I Civile, 13/09/16, dep. 5 ottobre 2016, n. 42012 (Pres. Conti, rel. Gianesini)
    2016 – Cass, sez. I Civile, 8 aprile 2016, n. 6919 (Pres. Di Palma, rel. Lamorgese)
    2016 – Cass, sez. III Civile, 7 aprile 2016, n. 6790 (Pres. Salmé, rel. Vincenti)
    2016 – Cass. sez. I Penale, 23 marzo 2016, n. 5757 (Pres. Forte, rel. Giancoli)
    2014 – Cass. sez. III, 12 marzo 2014, n. 24846 (Pres. Teresi, rel. Orilia)
    2014 – Cass. sez. V, 6 marzo 2014, n. 15390 (Pres. Lombardi, rel. Settembre)
    2013 – Cass. sez. I Civ., 20 marzo 2013, n. 7041 (Pres. Luccioli, rel. Campanile)
    2013 – Cass. sez. I Civ., 8 marzo 2013, n. 5847 (Pres. Luccioli, Rel. Lamorgese)
    2012 – Cass. sez. III Pen., 17 ottobre 2012, n. 40851 (Pres. Aldo, Rel. Gastone)
    2012 – Cass. sez. I Civ., 14 maggio 2012, n. 7452 (Pres. Luccioli, Rel. San Giorgio)

    CEDU (Corte Europea Diritti Uomo)
    2017 – Caso Improta c. Italia – 4 maggio 2017 (ricorso n. 66396/14)
    2016 – Caso Giorgioni c. Italia – 15 settembre 2016 (ricorso n. 43299/12)
    2016 – Caso Strumia c. Italia – 23 giugno 2016 (ricorso n. 53377/13)
    2015 – Caso Manuello e Nevi c. Italia – 25 gennaio 2015 (ricorso n. 107/10)
    2013 – Caso Lombardo c. Italia – 29 gennaio (ricorso n. 25704/11)
    2013 – Caso Santilli c. Italia – 17 dicembre (ricorso n. 51930/10)
    2010 – Caso Piazzi c. Italia – 2 novembre (ricorso n. 36168/09)

    L'alienazione genitoriale non è una sindrome, infatti l'unica cura per i figli manipolati è l'allontanamento dal genitore manipolatore. La manipolazione psicologica esiste per gli adulti immaginiamo per la mente di un bambino che invece di trovare amore e affetto da parte del genitore manipolatore trova solo odio e sete di vendetta per l'ex e lo utilizza come strumento per vincere la sua guerra.
    Ricorderei alle signore femministe che tante donne vittime di violenza domestica impiegano anni prima di ribellarsi proprio perché succubi e manipolate dall'aguzzino.

    Come associazione chiediamo di dare voce ai milioni di genitori e figli in Italia che si trovano in questa disumana situazione, privare un figlio dell'amore di un genitore sano è incivile e non può essere tollerato. Chiediamo a gran voce una legge che punisca penalmente chi manipola i figli, perché come si è visto nel caso di questa madre il manipolatore non rispetta le sentenze del tribunale ordinario è impossibile qualsiasi mediazione con chi aliena i figli.
    Visti i recenti fatti di Bibbiano pregni di intercettazioni dove è evidente la manipolazione psicologica effettuata su quei bambini ci stupiamo che un tg come il tg5 abbia senza la minima informazione dato notizie fuorvianti e puntualizzato la non esistenza della alienazione/manipolazione.

    Distinti Saluti

    Mariangela Campus
    Presidente Nazionale FLAGe figli liberi dalla alienazione genitoriale
Da una dona a un molin no gh'è gran diferenza.

Serenissimo

#1
Per chi ne è all'oscuro, il post dell'associazione fa riferimento a questo :

https://www.ilmessaggero.it/mind_the_gap/laura_massaro_figlio_tribunale_minori_roma_associazioni_femminili_pas-4797037.html


Non entro nel merito della sentenza, faccio solo notare che si sono mobilitate in difesa di questa signora TUTTE le associazioni negazioniste dell'alienazione parentale (a proposito, questa signora si lamenta dell'abuso noto come "PAS", peccato che nessuno ha parlato di malattia) , a cominciare dall'associazione di Andrea Coffari (noto avversario di ogni riforma del diritto di famiglia) e Foti fino a tutte le associazioni femministe che fanno da contorno al sistema di Bibbiano .
Da una dona a un molin no gh'è gran diferenza.

Finnegan

Ottima notizia. C'è ancora molta strada da fare ma ho l'impressione che la narrativa femminista cominci a sgretolarsi.
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Risposta rapida

Attenzione: non sono stati aggiunti messaggi in questa discussione negli ultimi 120 giorni.
A meno che tu non voglia realmente rispondere, prendi in considerazione l'idea di iniziare un nuova discussione.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima