Liliana Segre e la commissione: "mamma li fascisti" o subdolo indottrinamento

Aperto da johann, 3 Novembre 2019, 05:05:25 PM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

johann

Ben fatto!!  :good:
L'astenersi dal voto di una parte della politica nostrana all'istituzione di questa commissione e stata la migliore risposta che questa iniziativa meritava   
Mi dispiace per la signora segre a cui va tutta la mia simpatia (e non per pragmatica) che in questo sporco gioco ne esce come unica vittima peraltro predestinata
perché?   
ma perché  questa subdola operazione di circonvenzione ideologica aveva alla radice una sottigliezza equivoca pari solo al cinismo di chi l'ha voluta, cinismo che non ha esitato a servirsi della signora segre e del tema dell'antisemitismo  per tentare di far passare sottobanco allo scontato assenso verso certi "universali"  principi un placet indiretto ai propri perniciosi "asset" ideologici
da ogni parte si guardi questa storia ci si trova di tutto tranne che la millantata "nobile" intenzione di discriminare su questi temi i buoni dai cattivi (della serie chi e senza peccato scagli la prima pietra) Infatti anche ammesso e non concesso che le questioni sociali si possano semplificare sino a livello di una trama cinematografica con il bene che trionfa sul male  tutta questa cosa puzza di sospetto lontano anni luce  visto che "stranamente" i colpevoli sono sempre gli ormai "convenzionali" utili idioti dei vetero fascisti e nazisti, microminoranza da non sottovalutare verso cui cui la società' e pero' sostanzialmente vaccinata

quindi proprio per il fatto che la "chiamata alle armi" collettiva contro il "tradizionale" capro espiatorio fascistoide e strombazzata dai soliti demagoghi sinistrorsi e considerato che per questi ultimi la stessa distinzione tra bene e male non e affatto univoca in quanto tutto e relativo e soggettivo si capisce bene come sia giusto prima di accettare la partecipazione a queste chiamate in correità  chiarirsi bene sul significato ultimo di certe parole:       
cosa si intende veramente per razzismo, intolleranza, odio, pregiudizio, stereotipo, ecc,  in base a quali categorie valoriali dovremmo ritrovarci intorno alla loro unanime condanna?  le categorie eterne della esegesi cattolica, oppure quelle opposte dello scurrile politicamente corretto?

Che significa razzista? Il considerare una razza superiore a un'altra con tutto quello che ne consegue o adesso anche chi difende le identità le singolarità le tradizioni in definitiva le differenze che definiscono le razze stesse?  In teoria ci sarebbe un mare di mezzo, ma resta il fatto che la stessa parola razza e diventata "inopportuna"   nel clima della cultura dominante intrisa della "grammatica" del p.corretto a sua volta piena di "sinonimi potenziali" chiunque difenda una verita oggettiva o un dato certo viene collocato già sul crinale del "pregiudizio" che fatalmente prima o poi porta alla violenza  ecco quindi il valore di prevenzione sociale l'identificare e colpire per tempo questi seguaci del populismo tradizionale cosi attaccati alle identità storiche perché il loro credo e senz'altro sinonimo di intolleranza a sua volta sinonimo di integralismo e già che ci siamo di terrorismo e stragismo  in altre parole tolti loro  come era nei paesi comunisti gli "altri" sono tutti sospetti di mentalità' e cultura antisociale (a quando il famigerato art.58?)

Che significa stereotipo?
Cio' che risponde rigidamente a un modello o a luoghi comuni...  bene e da quando in qua questa cosa significa necessariamente male! visto che oggi tutto e "moda"?   ah!?  ho capito .....male rispetto a tutti quelli che non si rassegnano a far parte del coro, e invece si  barricano sulla difesa ad oltranza ad esempio dei valori tradizionali dell'umanaesimo cristiano e del dato reale oggettivo e naturale delle cose

Che significa odio? Sentimento di grande ostilita al punto da desiderare il male per il prossimo, o anche chi nel manifestare le proprie idee non intende cedere alla "mediazione" compromissoria   insita del dogma del "dialogo" e del confronto democratico imposto dal grande fratello progressista 

Che significa ......?   ecc ecc   
quindi alla signora segree a cui ribadisco il mio rispetto mi piacerebbe dirgli che l'inumanità che giustamente viene stigmatizza nell'odio antisemita in fondo  e' la stessa che mascherata ad arte si e spesa per usarla come comodo specchietto per le allodole    non c'e nessun fine di civilta' in tutto questo ma solo fini meramente ideologici volti all'istaurazione di un regime e se non ci crede rifletta:
- sul fatto che se oggi si dice a un omosessuale che e' gravato da una malattia della sfera comportamentale  dalla quale più guarire benissimo si viene denunciati per omofobia 
- sulla censura nazicomunista a cui e soggetto il tema dell'aborto e a quanto esso sia stato reso "impermeabile" a ogni dibattito pubblico
- sul perche sia diventato uno "stereotipo" l'ordine naturale costituito dove la realta' oggettiva come la differenziazione in maschi femmnie deve essere abolita per fare posto a diverse decine di gradazioni di "generi"   
- più in generale rifletta sul fatto che la stessa elaborazione culturale del dato oggettivo e' venuta meno  visto che adesso  il "reale" parte  dal cervello e va verso l'esterno, piuttosto che dall'esterno attraverso i sensi arrivare al cervello   

cara liliana se posso sommessamente darle un consiglio ogni tanto al più che giusto sguardo lanciato lontano per sensibilizzare le prossime generazioni sul tema dell'antisemitismo si guardi attorno nel suo immediato circondario e faccia caso alla politica che le si ruffiana attorno   si!! sono gli stessi che hanno passato la vita a essere politicamente filo arabi  nemici giurati di Israele gente che professa l'istaurarsi nella societa di una cultura totalitaria che non ha nulla da invidiare a quella nazista salvo il camuffarsi completamente a ogni evidenza diretta   cultura che anche attraverso iniziative come la commissione sta passando come un "diserbo ideologico" sopra a tutta la  "biodiversita" culturale che le diverse razze e culture hanno offerto al mondo, 
adesso capirà perché il no a questa commissione e' per l'autentica liberta di pensiero e per quella di poterlo difendere quando serve

<Ricordiamoci di bibbiano>
Un uomo che è un uomo DEVE credere in qualcosa (dal film: il mio nome è nessuno)

Finnegan

Il razzismo qui non c'entra, queste kommissioni hanno un sapore politico e sono il retaggio della burokràzia sovietica.
Ma poi c'è davvero razzismo in Italia? L'unico che vedo è quello verso gli italiani: perché se un immigrato può commettere impunemente reati e un italiano va in galera o è indagato se si difende, significa che siamo tornati alle leggi razziali.

E pensano davvero questi signori che gli immigrati voteranno PD? Per poco forse, poi si faranno i loro partiti con la mezzaluna. Già sta avvenendo in altre parti d'Europa. E allora altro che razzismo.
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Risposta rapida

Attenzione: non sono stati aggiunti messaggi in questa discussione negli ultimi 120 giorni.
A meno che tu non voglia realmente rispondere, prendi in considerazione l'idea di iniziare un nuova discussione.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima