Divide et impera

Aperto da Finnegan, 13 Febbraio 2020, 11:51:45 PM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Finnegan

Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Andy


johann

e chi sono quelli che si adoperano per dividere per imperare?
in coro tutti ma proprio tutti risponderebbero  i "Poteri forti" accidenti a loro!!  :negative:
poteri forti mi chiedo cosa voglia dire  sicuramente e un termine decisamente abusato, ho quasi la sensazione che più passa il tempo e più stia diventando modaiolo e conformista "buttarla" sul:  "colpa dei poteri forti" un epilogo che pare essere diventato un luogo comune  cosi tanto per "andare sul sicuro" circa la direzione su cui puntare il dito per ogni dissertazione sui massimi sistemi 
questa mia impressione ovviamente non e legata al merito della questione ma dal semplice notare come  improvvisamente tutti ne parlano quasi allo stesso modo compresi quelli che sono i maggiori responsabili e sponsor dell'andazzo ideologico all'origine dell'insorgere nel nondo degli stessi poteri forti 

allora?  Come se ne viene a capo dell'ennesimo tema discriminante fatto diventare ad arte un guazzabuglio dove non si capisce più chi dice cosa e cosa lo dice a fare?      Se ci si guarda attorno e si contestualizza la cosa nel nostro mondo immerso nel macero caustico della mentalità regressista relativista  si trova facilmente la risposta
il delirio egualitario sta indiferenziando e livellando al ribasso ogni cosa che riguarda i fondamentali dell'essere umano (basta pensare alle ex categorie ontologiche maschile femminile  oggi diventate generi soggettivi) e inevitabile che anche  le questioni economiche comunque sempre relative all'operato di tante singole persone (specialmente in occidente) ne escano via sempre più adulterate e imbrogliate nei loro connotati di base

Se questo e vero (e per me lo e) allora abbiamo davanti un ennesimo esempio di come oggi si riesca a disinnescare e sterilizzare grosse questioni aperte dentro la societa  semplicemente ingolfando la capacita (della societa') di giudicare sulle sue cose,  impedendo a ogni testa pensante di pervenire a quel grado minimo di risoluzione che possa produrre nelle persone delle convinzioni    ora  essendo questa la premessa indispensabile per produrre e pretendere azioni o reazioni concrete da parte della gente si capisce come si possa arrivare ad ottenere l'addomesticamento  sociale di una societa'

ma come si fa?     Semplice!  Prendo una questione sociale molto dirimente  approfitto  del dominio ideologico che ho sull'insieme dei media  e la declino nel corpo sociale evitando scrupolosamente di affrontarla nel merito   la' dove la ferita "sanguina" per davvero (pensiamo ad esempio all'aborto e alla sua domanda di fondo quando si E' esseri umani? ) in questo modo recitando tutte le parti in commedia (pro e contro) viene censurato il merito delle questioni sottraendolo alla coscienza collettiva a cui invece destino la valanga rintronante del corollario del dibattito mediatico     moderato, diretto, e pianificato, dai soliti pretoriani dell'intellighenzia di regime in servizio permanente effettivo (gruber mentana vespa fazio ecc)  tutti provetti nell'arte di " orbitate" intorno al merito dei problemi e a trattarli in modo sufficientemente  indiretto da poter coinvolgere l'opinione pubblica al massimo in sterili battaglie di retroguardia e campagne di "sensibilizzazione" di fatto del tutto avulse dalla sostanza delle cose

"partecipazione" "inclusione" democrazia allargata " ecc una spruzzata di retorica politicamente corretta e si puo vendere alla societa l'illusione di essere stata parte del processo decisionale sui problemi che la riguarda  quando in realtà e considerata solo un sottofondo degli eventi non più "partecipe" di quello che nei teatri fa da scenografia rispetto agli attori sul palco
ma il "bello" quello che "paga" e rende veramente in questa lurida prassi mistificatrice sono i suoi effetti collaterali dati dal marasma  giaculatorio che il sistema ci spara addosso dagli schermi di tutti i media come corollario inevitabile del dibattito pubblico:
prendi l'ennesima questione sociale in agenda falla passare per il trattamento suddetto e vedrai che dopo essersi sorbiti mille chiavi di lettura, mille interpretazioni, mille conclusioni (sotto sotto tutte a senso unico)  senza accorgesene ci si trovera' la propria coscienza narcotizzata nella propria sensibilità'  via via sempre più incapace di meravigliarsi nel bene o di scandalizzarsi nel male, inabile a suscitare indignazione  e riprovazione   al punto da rendere il soggetto incapace di produrre se del caso vera disapprovazione e quindi condanna su tutte quelle questioni che lo minacciano al massimo grado personale (come ad es. i temi della bioetica, gender ecc)  da qui a banalizzare le questioni perche tutto appare "scontato" e comunque già' "predefinito" nelle sue conseguenze  il passo e breve 

ecco quindi per ricollegarmi all'incipit iniziale come anche in formale regime di democrazia pluralista si riesca lo stesso a rimbiccilire nell'indolenza più passiva e nel menefreghismo più pressapochista interi strati della societa' (basta pensare a certa umanita che affolla gli stadi  o a una parte considerevole del mondo femminile  o dei rinnegati maschi che a vario titolo  (omo trans lgbt ...ecc ) gli scodinzola intorno  più in generale tutta quella genia che non prende mai posizione su niente, quella che si pone vigliaccamente su posizioni di rimando rispetto alla realta anche quando questa puntandogli il dito li interpella direttamente (laicismo)  quella genia sempre in cerca del "lato positivo e del male minore nelle cose" facendosene un patetico alibi morale  (ogni riferimento a certo mondo cattolico e' voluto e cercato)
e in base a queste considerazioni e  commiserando questa umanita (che noto piace tanto al leviatano global-progressista) che mi spiego come oggigiorno abbiano corso normale posizioni ideali per me assolutamente incoerenti (la cirinna abortista che impartisce lezioni di umanità'!!  sedicenti cattolici che accettano senza fiatare l'intera agenda progressista!!  neo marxisti in veste turbo liberale che a fronte dei problemi vorrebbero infilarci le solite "supposte" ideologiche  fino al nostro stasi che insiste a volere tenere i piedi in due staffe laddove non vuol vedere che nel mezzo ormai ci passa un canyon di distanza)
dovremmo ammettere tutti che anche dall'alto della nostra siderale liberta' di pensiero ci stanno di fatto facendo diventare tutti fatalisti e indifferenti sul corso delle cose e questo mi sa essere il principale scopo di tutto questo maneggio di cervelli 

quindi  tornando ai poteri forti e a quello che implicano si puo dire che più certe questioni sono piantate in profondita nel vissuto di intere societa più il contradittorio su di loro viene spinto volutamente alla fibrillazione mediatica  e oggi prossimi al parossismo dove ormai anche su questo tema e più la gente che parla e scrive piuttosto che quella che ascolta e legge  penso che dovremmo imparare a individuare d'istinto il prostituto mucchio selvaggio intellettuale che numeroso e' in migrazione per colonizzare anche le posizioni ideali "antisistema" per saturarne di se ogni spazio disponibile 

bisogna farci il callo  nella mente e imparare a discernere nei vari contesti dalla macro economia alla Q.M. tra chi e solo l'ennesimo influenzer  parassita che si avventa e strumentalizza certe posizioni per procacciarsi ulteriori spazi di notorietà pubblica al fine del proprio tornaconto economico e ideologico  dai veri eretici che si pongono nel merito delle situazioni come dei pellegrini a cui interessa solo seguire il cammino delle proprie idee costi quel che costi
Un uomo che è un uomo DEVE credere in qualcosa (dal film: il mio nome è nessuno)

Finnegan

Proprio oggi Stasi ha alzato l'ennesima cortina di fumo antigender. Il pubblico è distratto e per ora non se ne accorge.
Citazionel'ennesimo influenzer  parassita che si avventa e strumentalizza certe posizioni per procacciarsi ulteriori spazi di notorietà pubblica al fine del proprio tornaconto economico e ideologico  dai veri eretici che si pongono nel merito delle situazioni come dei pellegrini a cui interessa solo seguire il cammino delle proprie idee costi quel che costi
Appunto.
Citazioneapprofitto  del dominio ideologico che ho sull'insieme dei media  e la declino nel corpo sociale evitando scrupolosamente di affrontarla nel merito   la' dove la ferita "sanguina" per davvero (pensiamo ad esempio all'aborto e alla sua domanda di fondo quando si E' esseri umani? ) in questo modo recitando tutte le parti in commedia (pro e contro) viene censurato il merito delle questioni sottraendolo alla coscienza collettiva
Il linguaggio è la cornice in cui si esprime il pensiero, in questo modo si sposta il dibattito sul nulla e si crea come hai detto la voluta apatia nel corpo sociale.
Ora stiamo assistendo a questa colonizzazione anche nei media alternativi (Barbero) e persino nell'attivismo maschile (Stasi e compagni radicali). Abbagliati dai grandi mezzi a disposizione di questi soggetti, non ci rendiamo conto che persino il nostro residuo territorio viene occupato.
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Andy

Ricordo che quando ero molto giovane guardavo spesso un programma di attualità sul canale della Svizzera Italiana in cui il conduttore intervistava UN SOLO ospite a puntata. Nessuno alzava la voce, nessuno interrompeva nessuno e i toni erano civili e pacati.
In Italia, forse con l'avvento della TV spazzatura alla Funari / Costanzo e compagnia bella, è iniziato il degenero: programmi con politici, attricette, leccapiedi vari, nani, ballerine e chi più ne ha più ne metta. Tutti in un unico calderone a discutere sia dei Massimi Sistemi, sia del goal annullato al 90° minuto, ovviamente meglio se sbraitando, con il conduttore burattinaio che immancabilmente interrompe tutti prima che abbiano terminato il proprio intervento.
La massa dei telespettatori medi è così andata in burnout. Ora gli si può far passare per buono qualsiasi messaggio, dato che la strategia è funzionata alla grande e il grado di rincoglionimento generale è quello auspicato dai burattinai e dai loro finanziatori.

Serenissimo

Citazione di: Andy il 18 Febbraio 2020, 02:27:34 PM
Ricordo che quando ero molto giovane guardavo spesso un programma di attualità sul canale della Svizzera Italiana in cui il conduttore intervistava UN SOLO ospite a puntata. Nessuno alzava la voce, nessuno interrompeva nessuno e i toni erano civili e pacati.
In Italia, forse con l'avvento della TV spazzatura alla Funari / Costanzo e compagnia bella, è iniziato il degenero: programmi con politici, attricette, leccapiedi vari, nani, ballerine e chi più ne ha più ne metta. Tutti in un unico calderone a discutere sia dei Massimi Sistemi, sia del goal annullato al 90° minuto, ovviamente meglio se sbraitando, con il conduttore burattinaio che immancabilmente interrompe tutti prima che abbiano terminato il proprio intervento.
La massa dei telespettatori medi è così andata in burnout. Ora gli si può far passare per buono qualsiasi messaggio, dato che la strategia è funzionata alla grande e il grado di rinstupidimento generale è quello auspicato dai burattinai e dai loro finanziatori.

La cosa bella è  che è stato il cd. "berlusconismo" a fare questo. Ossia, la mentalità portata (direttamente o meno) da un ambiente di destra liberista, a conferma che la dx liberista è un nemico peggiore della cosiddetta "sinistra" occidentale ( che non ha più nulla di sinistra oramai ) .
Da una dona a un molin no gh'è gran diferenza.

Finnegan

Sia Johann che Andy hanno evidenziato un punto cruciale della manipolazione mediatica: il discorso spesso pilotato e interrotto, per impedire qualsiasi ragionamento logico (e le sue ovvie conclusioni). Un noto sociologo dei media ha detto: minore la componente razionale, maggiore la manipolazione. Il pubblico deve essere tenuto a bagno in un brodo di nonsensi fino ad ubriacarsi e perdere le coordinate più elementari di navigazione sociale.
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Risposta rapida

Attenzione: non sono stati aggiunti messaggi in questa discussione negli ultimi 120 giorni.
A meno che tu non voglia realmente rispondere, prendi in considerazione l'idea di iniziare un nuova discussione.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima