Effetti del Femminismo - caso Emma Watson

Aperto da JohnTheSavage, 6 Giugno 2020, 04:24:52 AM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

JohnTheSavage

Interessante notare come Emma Watson, affetta da forma grave di femminismo in stato avanzato, non sposata e senza figli, si sia trasformata negli ultimi giorni. Lei è una di quelle che si lamenta di non riuscire a trovare un uomo. Mi chiedo come mai nessuno sia in grado di starle vicino.

foto prima


foto dopo


Intorta il tutto come una forma di solidarietà, anche se poteva essere solidale in molte altre forme, che non richiedono pubblicità. Insomma ogni occasione è buona per cercare attenzioni, anche con automutilazioni.
Women look for men with a good future. Men look for women with a good past.

Finnegan

#1
Accipicchia come si è ridotta, prima era solo brutta, ora è inguardabile. Voi femministe a casa non imitatela!

Un piccolo suggerimento: anche se esiste un femminismo più radicale, sconsiglio di usare aggettivi come estremo, moderato ecc. perché i profani considerano di solito positivo il femminismo e possono pensare che solo quello "estremo" sia da combattere.
In realtà è sempre femminismo, senza distinzioni!
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

JohnTheSavage

#2
Si concordo pienamente, il femminismo è un'ideologia deleteria per tutti, uomini, donne, bambini e società nel suo complesso. Indipendentemente dal livello.

Ho utilizzato quell'aggettivo perchè lei è molto fervente:



Sto provando a modificare il titolo del post senza riuscirci. Immagino che dopo qualche ora non sia più possibile.
Women look for men with a good future. Men look for women with a good past.

johann

Consigli anti abbindolamento a uso del mondo maschile + traduzione dal p.corretto a un linguaggio come si sarebbe detto una volta .......da "cristiani":
trattasi di tipico discorso per l'appunto p. corretto:  dal mieloso patos sentimentaloide  (ci mancava solo la lacrimuccia)  e' grondante crasso buonismo di facciata  quindi  altamente sospetto di essere quanto meno in mala fede intelletuale  si consiglia profilassi anti contagio da ruffianeria femminil-progressista con assunzione in via preliminare e cautelare di una buona dose di sano pregiudizio a prescindere

-) ambasciatrice di buona volontà dell'onu?!!   :blink: ....incommentabile!...  questa cosa non puo essere presa alla lettera quindi  significa che questa sguattera dell'onu opera in un certo senso sotto copertura ovviamente per fini ufficiosi non "divulgabili" 
delle tante storture del mondo d'oggi  che sanno anche i muri  ma che non si devono dire  il fatto che oggi l'onu e' stato a tal punto irreversibilmente colonizzato e monopolizzato ideologicamente da essere diventato la parodia di se stesso  la cappella mortuaria di tutti i  propositi e principi (quelli veri) che l'avevano fondato    e' quasi scontato   che si tratta di una delle tante campagne di addomesticamento ideologico cui si e specializzato e' altrettanto ovvio     la nostra (si fa per dire)  watson  incarna semplicemente il nuovo "look" del  "brand" femminista un maquillage estetico per edulcorare l'immagine cinerea del femminismo di sempre  e coprire la volontà di proseguire ferocemente  nel programma di estinzione coercitiva del sesso maschile da questo pianeta

tra i soliti refrain da disco rotto  <pari diritti e pari opportunità stessa paga per stesso lavoro sono io a decidere sul mio corpo ecc> che ormai all'atto pratico sono oggi sinonimi di taglieggiamento sociale per ottenere meri privilegi la "nostra"  watson ha detto anche altre cose che non possono essere lasciate passare impunemente,   in sintesi:
<uomini!! la parità di genere e anche un vostro problema
i generi devono essere come 2 spettri (arcobaleno) non come 2 poli opposti>  <siete tutti imprigionati negli stereotipi di genere dovete sentirvi liberi di essere sensibili ai vostri figli   
che venga permesso di essere "vulnerabili" "umani"  recuperando la parte di loro che hanno abbandonato>,  <venga permesso di diventare delle versioni più vere e complete di se stessi>   <se credete nella parità potreste essere dei femministi inconsapevoli > he for she.......

per primo un occhio alla forma, la watson dal pulpito dell'onu parlava idealmente a tutti gli uomini  e siccome ha premesso all'inizio che <le donne non si identificano con il femminismo>  ha messo in atto una sottile mistificazione:  oggi le donne non si identificano nel femminismo non perché il monolite del mondo femminile e' talmente apatico e indolente di suo che manifesta la sensibilita' umana  di un "minerale"  (anche verso le stesse istanze del femminismo)  ma millantandone sperticatamente le qualità ha voluto far credere che a nome della degnazione benevolente  femminile la sua e' praticamente un'offerta di pace verso il soccombente mondo maschile in vista di una pacificazione al femminile di tutta la questione
quanto alla sostanza e' chiaro l'imbarazzo e il cruccio di non poter cantare la vittoria o anche solo le lodi di un femminismo punta di lancia e guida di un riscatto "belligerante" dell'intero mondo femminile   svanita ogni illusione di un'emancipazione conquistata e guadagnata sul terreno della competizione diretta  femmine vs maschi  con il tono di chi non ci ha mai creduto veramente ha ufficilmente messo a dimora (il posto non poteva essere più adatto)  la nuova strategia del femminismo 2.0  il tentativo cioe di ottenere gli stessi fini attraverso una subdola e viscida politica di ruffianeria culturale tutta tesa a mettere a frutto le migliori virtù' femminili,  che come sanno gli uomini di ogni tempo sono la ruffianeria la piaggeria  lo strusciamento abbindolatore del proprio linguaggio sessuale  la lascivia rammollente di ogni maschia virilità del proprio modo di fare e rapportarsi  il tutto per accentuare nel mondo maschile un processo di inversione/perversione identitaria irreversibile che lo porti a sentirsi un sesso funzionale e accessorio all'unico considerato standard: quello femminile   
non e' un caso tutto questo insistere e fare leva sul concetto di genere e cioe l'identità sessuale tolta dalla certezza ontologica e oggettiva dell'ordine naturale e rimessa alla volubilità soggettiva del moderno io complessato e malleabile   un maschio svirilizzato e rammollito che si vuole psicologicamente della consistenza di morbida creta da poter plasmare e informare come si vuole un soggetto da convincere e persuadere di essere una specie di stravaganza naturale che se mai ha avuto un qualche ruolo in passato adesso non trova alcuna giustificazione esistenziale  un soggetto che per questo deve a stesso l'obbligo morale di ripensarsi e riconfigurarsi su basi completamente diverse (a conferma indiretta del fallimento di darwin) si tratta di una specie di evoluzionismo coatto pilotato da istanze culturali

e chiaro che la watson quando parla al mondo maschile si rivolge agli unici interlocutori maschi  riconosciuti già' "abili"  dal sistema (non a caso parla all'onu) sufficientemente introdotti e consapevolizzati verso il nuovo standard che si vuole imporre  ogni riferimento agli omosessuali e  alla ghenga lgbt queer ecc e chiaramente sotteso e voluto  il discorso della watson e un invito nemmeno tanto velato a questi ultimi di impegnarsi di più e meglio dentro al mondo maschile per demolire e mistificare a colpi di retorica sugli stereotipi di genere e diritti civili  le ultime resistenze degli ultimi uomini "convenzionali" rimasti in circolazione   e' un dato di fatto,  praticamente ci vogliono tutti effeminati a dovere  e magari se possibile omosessuali in potenza  o sostanza    ecco perche su questo discrimine credo cominci ad essere vitale per la q.m cominciare a stare attenti alle new entry e alle nuove amicizie "maschili" che si contraggono 
per ultimo un accenno a quel:....... lui per lei finale  ancora una volta si palesa per indiretta ammissione come le femmine siano per come sono incapaci di perseguire qualsiasi obiettivo anche fosse solo per se stesse   vogliono l'emancipazione e la parita  ma sapendo di sapere di non poterla conquistare e guadagnare sul campo  indirettamente sono sempre li a  reclamarla come concessione  ai loro nemici / amici  maschi (a seconda delle circostanze)   in altre parole sulla scorta del nuovo peccato originale laicista:  nascere maschi  bianchi ed etero per loro dovremmo idealmente  auto castrarci  (per ora a livello identitario.......in futuro?)  e consegnargli gli attributi su di un piatto d'argento
attenzione uomini il femminismo sta cambiando dobbiamo reimparare a riconoscerlo se vogliamo continuare a combatterlo
Un uomo che è un uomo DEVE credere in qualcosa (dal film: il mio nome è nessuno)

Padano74

Citazione di: johann il  7 Giugno 2020, 09:24:31 AM
Consigli anti abbindolamento a uso del mondo maschile + traduzione dal p.corretto a un linguaggio come si sarebbe detto una volta .......da "cristiani":
trattasi di tipico discorso per l'appunto p. corretto:  dal mieloso patos sentimentaloide  (ci mancava solo la lacrimuccia)  e' grondante crasso buonismo di facciata  quindi  altamente sospetto di essere quanto meno in mala fede intelletuale  si consiglia profilassi anti contagio da ruffianeria femminil-progressista con assunzione in via preliminare e cautelare di una buona dose di sano pregiudizio a prescindere

-) ambasciatrice di buona volontà dell'onu?!!   :blink: ....incommentabile!...  questa cosa non puo essere presa alla lettera quindi  significa che questa sguattera dell'onu opera in un certo senso sotto copertura ovviamente per fini ufficiosi non "divulgabili" 
delle tante storture del mondo d'oggi  che sanno anche i muri  ma che non si devono dire  il fatto che oggi l'onu e' stato a tal punto irreversibilmente colonizzato e monopolizzato ideologicamente da essere diventato la parodia di se stesso  la cappella mortuaria di tutti i  propositi e principi (quelli veri) che l'avevano fondato    e' quasi scontato   che si tratta di una delle tante campagne di addomesticamento ideologico cui si e specializzato e' altrettanto ovvio     la nostra (si fa per dire)  watson  incarna semplicemente il nuovo "look" del  "brand" femminista un maquillage estetico per edulcorare l'immagine cinerea del femminismo di sempre  e coprire la volontà di proseguire ferocemente  nel programma di estinzione coercitiva del sesso maschile da questo pianeta

tra i soliti refrain da disco rotto  <pari diritti e pari opportunità stessa paga per stesso lavoro sono io a decidere sul mio corpo ecc> che ormai all'atto pratico sono oggi sinonimi di taglieggiamento sociale per ottenere meri privilegi la "nostra"  watson ha detto anche altre cose che non possono essere lasciate passare impunemente,   in sintesi:
<uomini!! la parità di genere e anche un vostro problema
i generi devono essere come 2 spettri (arcobaleno) non come 2 poli opposti>  <siete tutti imprigionati negli stereotipi di genere dovete sentirvi liberi di essere sensibili ai vostri figli   
che venga permesso di essere "vulnerabili" "umani"  recuperando la parte di loro che hanno abbandonato>,  <venga permesso di diventare delle versioni più vere e complete di se stessi>   <se credete nella parità potreste essere dei femministi inconsapevoli > he for she.......

per primo un occhio alla forma, la watson dal pulpito dell'onu parlava idealmente a tutti gli uomini  e siccome ha premesso all'inizio che <le donne non si identificano con il femminismo>  ha messo in atto una sottile mistificazione:  oggi le donne non si identificano nel femminismo non perché il monolite del mondo femminile e' talmente apatico e indolente di suo che manifesta la sensibilita' umana  di un "minerale"  (anche verso le stesse istanze del femminismo)  ma millantandone sperticatamente le qualità ha voluto far credere che a nome della degnazione benevolente  femminile la sua e' praticamente un'offerta di pace verso il soccombente mondo maschile in vista di una pacificazione al femminile di tutta la questione
quanto alla sostanza e' chiaro l'imbarazzo e il cruccio di non poter cantare la vittoria o anche solo le lodi di un femminismo punta di lancia e guida di un riscatto "belligerante" dell'intero mondo femminile   svanita ogni illusione di un'emancipazione conquistata e guadagnata sul terreno della competizione diretta  femmine vs maschi  con il tono di chi non ci ha mai creduto veramente ha ufficilmente messo a dimora (il posto non poteva essere più adatto)  la nuova strategia del femminismo 2.0  il tentativo cioe di ottenere gli stessi fini attraverso una subdola e viscida politica di ruffianeria culturale tutta tesa a mettere a frutto le migliori virtù' femminili,  che come sanno gli uomini di ogni tempo sono la ruffianeria la piaggeria  lo strusciamento abbindolatore del proprio linguaggio sessuale  la lascivia rammollente di ogni maschia virilità del proprio modo di fare e rapportarsi  il tutto per accentuare nel mondo maschile un processo di inversione/perversione identitaria irreversibile che lo porti a sentirsi un sesso funzionale e accessorio all'unico considerato standard: quello femminile   
non e' un caso tutto questo insistere e fare leva sul concetto di genere e cioe l'identità sessuale tolta dalla certezza ontologica e oggettiva dell'ordine naturale e rimessa alla volubilità soggettiva del moderno io complessato e malleabile   un maschio svirilizzato e rammollito che si vuole psicologicamente della consistenza di morbida creta da poter plasmare e informare come si vuole un soggetto da convincere e persuadere di essere una specie di stravaganza naturale che se mai ha avuto un qualche ruolo in passato adesso non trova alcuna giustificazione esistenziale  un soggetto che per questo deve a stesso l'obbligo morale di ripensarsi e riconfigurarsi su basi completamente diverse (a conferma indiretta del fallimento di darwin) si tratta di una specie di evoluzionismo coatto pilotato da istanze culturali

e chiaro che la watson quando parla al mondo maschile si rivolge agli unici interlocutori maschi  riconosciuti già' "abili"  dal sistema (non a caso parla all'onu) sufficientemente introdotti e consapevolizzati verso il nuovo standard che si vuole imporre  ogni riferimento agli omosessuali e  alla ghenga lgbt queer ecc e chiaramente sotteso e voluto  il discorso della watson e un invito nemmeno tanto velato a questi ultimi di impegnarsi di più e meglio dentro al mondo maschile per demolire e mistificare a colpi di retorica sugli stereotipi di genere e diritti civili  le ultime resistenze degli ultimi uomini "convenzionali" rimasti in circolazione   e' un dato di fatto,  praticamente ci vogliono tutti effeminati a dovere  e magari se possibile omosessuali in potenza  o sostanza    ecco perche su questo discrimine credo cominci ad essere vitale per la q.m cominciare a stare attenti alle new entry e alle nuove amicizie "maschili" che si contraggono 
per ultimo un accenno a quel:....... lui per lei finale  ancora una volta si palesa per indiretta ammissione come le femmine siano per come sono incapaci di perseguire qualsiasi obiettivo anche fosse solo per se stesse   vogliono l'emancipazione e la parita  ma sapendo di sapere di non poterla conquistare e guadagnare sul campo  indirettamente sono sempre li a  reclamarla come concessione  ai loro nemici / amici  maschi (a seconda delle circostanze)   in altre parole sulla scorta del nuovo peccato originale laicista:  nascere maschi  bianchi ed etero per loro dovremmo idealmente  auto castrarci  (per ora a livello identitario.......in futuro?)  e consegnargli gli attributi su di un piatto d'argento
attenzione uomini il femminismo sta cambiando dobbiamo reimparare a riconoscerlo se vogliamo continuare a combatterlo

I tuoi post sono troppo lunghi

Finnegan

A me invece i post di Johann interessano e li leggo per intero.
Ognuno può scrivere post lunghi quanto vuole e ognuno è libero di leggerli se vuole.
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Finnegan

Citazionenon e' un caso tutto questo insistere e fare leva sul concetto di genere e cioe l'identità sessuale tolta dalla certezza ontologica e oggettiva dell'ordine naturale e rimessa alla volubilità soggettiva del moderno io complessato e malleabile   un maschio svirilizzato e rammollito che si vuole psicologicamente della consistenza di morbida creta da poter plasmare e informare come si vuole un soggetto da convincere e persuadere di essere una specie di stravaganza naturale che se mai ha avuto un qualche ruolo in passato adesso non trova alcuna giustificazione esistenziale  un soggetto che per questo deve a stesso l'obbligo morale di ripensarsi e riconfigurarsi su basi completamente diverse (a conferma indiretta del fallimento di darwin) si tratta di una specie di evoluzionismo coatto pilotato da istanze culturali
Come dico spesso, è inutile che gli uomini si alleino con gli LGBT nella speranza di ritagliarsi un posticino nel mondo arcobaleno: in quanto uomini, provvisti di cormosoma Y, in un tale sistema saranno SEMPRE discriminati, considerati soggetti da emarginare se non da eliminare.
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

johann

Citazione di: Padano74 il  8 Giugno 2020, 12:54:02 PM
Citazione di: johann il  7 Giugno 2020, 09:24:31 AM
Consigli anti abbindolamento a uso del mondo maschile + traduzione dal p.corretto a un linguaggio come si sarebbe detto una volta .......da "cristiani":
trattasi di tipico discorso per l'appunto p. corretto:  dal mieloso patos sentimentaloide  (ci mancava solo la lacrimuccia)  e' grondante crasso buonismo di facciata  quindi  altamente sospetto di essere quanto meno in mala fede intelletuale  si consiglia profilassi anti contagio da ruffianeria femminil-progressista con assunzione in via preliminare e cautelare di una buona dose di sano pregiudizio a prescindere

-) ambasciatrice di buona volontà dell'onu?!!   :blink: ....incommentabile!...  questa cosa non puo essere presa alla lettera quindi  significa che questa sguattera dell'onu opera in un certo senso sotto copertura ovviamente per fini ufficiosi non "divulgabili" 
delle tante storture del mondo d'oggi  che sanno anche i muri  ma che non si devono dire  il fatto che oggi l'onu e' stato a tal punto irreversibilmente colonizzato e monopolizzato ideologicamente da essere diventato la parodia di se stesso  la cappella mortuaria di tutti i  propositi e principi (quelli veri) che l'avevano fondato    e' quasi scontato   che si tratta di una delle tante campagne di addomesticamento ideologico cui si e specializzato e' altrettanto ovvio     la nostra (si fa per dire)  watson  incarna semplicemente il nuovo "look" del  "brand" femminista un maquillage estetico per edulcorare l'immagine cinerea del femminismo di sempre  e coprire la volontà di proseguire ferocemente  nel programma di estinzione coercitiva del sesso maschile da questo pianeta

tra i soliti refrain da disco rotto  <pari diritti e pari opportunità stessa paga per stesso lavoro sono io a decidere sul mio corpo ecc> che ormai all'atto pratico sono oggi sinonimi di taglieggiamento sociale per ottenere meri privilegi la "nostra"  watson ha detto anche altre cose che non possono essere lasciate passare impunemente,   in sintesi:
<uomini!! la parità di genere e anche un vostro problema
i generi devono essere come 2 spettri (arcobaleno) non come 2 poli opposti>  <siete tutti imprigionati negli stereotipi di genere dovete sentirvi liberi di essere sensibili ai vostri figli   
che venga permesso di essere "vulnerabili" "umani"  recuperando la parte di loro che hanno abbandonato>,  <venga permesso di diventare delle versioni più vere e complete di se stessi>   <se credete nella parità potreste essere dei femministi inconsapevoli > he for she.......

per primo un occhio alla forma, la watson dal pulpito dell'onu parlava idealmente a tutti gli uomini  e siccome ha premesso all'inizio che <le donne non si identificano con il femminismo>  ha messo in atto una sottile mistificazione:  oggi le donne non si identificano nel femminismo non perché il monolite del mondo femminile e' talmente apatico e indolente di suo che manifesta la sensibilita' umana  di un "minerale"  (anche verso le stesse istanze del femminismo)  ma millantandone sperticatamente le qualità ha voluto far credere che a nome della degnazione benevolente  femminile la sua e' praticamente un'offerta di pace verso il soccombente mondo maschile in vista di una pacificazione al femminile di tutta la questione
quanto alla sostanza e' chiaro l'imbarazzo e il cruccio di non poter cantare la vittoria o anche solo le lodi di un femminismo punta di lancia e guida di un riscatto "belligerante" dell'intero mondo femminile   svanita ogni illusione di un'emancipazione conquistata e guadagnata sul terreno della competizione diretta  femmine vs maschi  con il tono di chi non ci ha mai creduto veramente ha ufficilmente messo a dimora (il posto non poteva essere più adatto)  la nuova strategia del femminismo 2.0  il tentativo cioe di ottenere gli stessi fini attraverso una subdola e viscida politica di ruffianeria culturale tutta tesa a mettere a frutto le migliori virtù' femminili,  che come sanno gli uomini di ogni tempo sono la ruffianeria la piaggeria  lo strusciamento abbindolatore del proprio linguaggio sessuale  la lascivia rammollente di ogni maschia virilità del proprio modo di fare e rapportarsi  il tutto per accentuare nel mondo maschile un processo di inversione/perversione identitaria irreversibile che lo porti a sentirsi un sesso funzionale e accessorio all'unico considerato standard: quello femminile   
non e' un caso tutto questo insistere e fare leva sul concetto di genere e cioe l'identità sessuale tolta dalla certezza ontologica e oggettiva dell'ordine naturale e rimessa alla volubilità soggettiva del moderno io complessato e malleabile   un maschio svirilizzato e rammollito che si vuole psicologicamente della consistenza di morbida creta da poter plasmare e informare come si vuole un soggetto da convincere e persuadere di essere una specie di stravaganza naturale che se mai ha avuto un qualche ruolo in passato adesso non trova alcuna giustificazione esistenziale  un soggetto che per questo deve a stesso l'obbligo morale di ripensarsi e riconfigurarsi su basi completamente diverse (a conferma indiretta del fallimento di darwin) si tratta di una specie di evoluzionismo coatto pilotato da istanze culturali

e chiaro che la watson quando parla al mondo maschile si rivolge agli unici interlocutori maschi  riconosciuti già' "abili"  dal sistema (non a caso parla all'onu) sufficientemente introdotti e consapevolizzati verso il nuovo standard che si vuole imporre  ogni riferimento agli omosessuali e  alla ghenga lgbt queer ecc e chiaramente sotteso e voluto  il discorso della watson e un invito nemmeno tanto velato a questi ultimi di impegnarsi di più e meglio dentro al mondo maschile per demolire e mistificare a colpi di retorica sugli stereotipi di genere e diritti civili  le ultime resistenze degli ultimi uomini "convenzionali" rimasti in circolazione   e' un dato di fatto,  praticamente ci vogliono tutti effeminati a dovere  e magari se possibile omosessuali in potenza  o sostanza    ecco perche su questo discrimine credo cominci ad essere vitale per la q.m cominciare a stare attenti alle new entry e alle nuove amicizie "maschili" che si contraggono 
per ultimo un accenno a quel:....... lui per lei finale  ancora una volta si palesa per indiretta ammissione come le femmine siano per come sono incapaci di perseguire qualsiasi obiettivo anche fosse solo per se stesse   vogliono l'emancipazione e la parita  ma sapendo di sapere di non poterla conquistare e guadagnare sul campo  indirettamente sono sempre li a  reclamarla come concessione  ai loro nemici / amici  maschi (a seconda delle circostanze)   in altre parole sulla scorta del nuovo peccato originale laicista:  nascere maschi  bianchi ed etero per loro dovremmo idealmente  auto castrarci  (per ora a livello identitario.......in futuro?)  e consegnargli gli attributi su di un piatto d'argento
attenzione uomini il femminismo sta cambiando dobbiamo reimparare a riconoscerlo se vogliamo continuare a combatterlo

I tuoi post sono troppo lunghi

padano 74  non credo che il server di coscienza maschile sia a corto di terabyte, come ti e' stato detto nessuno ti obbliga a leggere  e del resto io sto qui  senza alcuna pretesa ne di essere letto  ne tantomeno di convincere o insegnare niente a nessuno

io leggo tutto di tutti  e scrivo come valvola di sfogo  perché  evidentemente ho a cuore e sento la Q.M in modo se vogliamo esagerato ma sicuramente un po' più di altri,    quindi diciamo che non sono io che sono prolisso  sono invece gli argomenti che riguardano la Q.M. che sono sempre più complessi e gravosi di ripercussioni per gli uomini   

proprio per questo  penso che non sarebbe male se rispetto ai temi sollevati inframmezzata alla consueta serie di indignazione mordi e fuggi che affannosamente sulla difensiva insegue la cronaca quotidiana degli attacchi femministi  e che tutto sommato lascia il tempo che trova   il forum cominciasse oltre alle mie a raccogliere anche altre opinioni ben argomentate e sviluppate,  mi pare che i temi non manchino,  chissà che non sia questo il modo per far "rimanere" qualcosa di tutto questo postare frenetico!   o sbaglio!..
Un uomo che è un uomo DEVE credere in qualcosa (dal film: il mio nome è nessuno)

dotar-sojat

Oh però tutte ste attricette votate alla causa femminista o lgbt hanno rotto i tre quarti diminchia... come se non sapessio che lo fanno per farsi sentire e notare, soprattutto quando la carriera prende una certa piega
E poi mai, dico mai, un attore con le palle che prenda a cuore la causa maschile, al più abbiamo quel pazzo di jim carrie che quando parla di hollywood sembra un esorcista
Spera nel meglio, aspettati il peggio

Finnegan

La ragione è semplice: se sostieni la causa maschile non fai carriera - e se fai carriera devi appoggiare il femminismo. Funziona così.
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Risposta rapida

Attenzione: non sono stati aggiunti messaggi in questa discussione negli ultimi 120 giorni.
A meno che tu non voglia realmente rispondere, prendi in considerazione l'idea di iniziare un nuova discussione.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima