Lettera: "Vorrei portarmi dietro la Boldrini, quando vado a lavorare"

Aperto da Finnegan, 24 Febbraio 2021, 04:15:24 AM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Finnegan


Caro Matteo,

ti scrivo perché vorrei parlarti di una professione – la mia – che negli ultimi anni è divenuta sempre più pericolosa, nella nostra civilissima e sempre amata Italia. Mi riferisco ai tanto odiati "verificatori di titoli di viaggio", ovvero i controllori dei mezzi pubblici.

Svolgo da diversi anni questo ruolo, sui pullman urbani ed extraurbani, e una recente polemica, riguardante un collega un po' troppo nervoso con una passeggera africana, mi ha fatto riflette per lo scandalo che questa ha suscitato presso le anime belle del politically correct, subito pronte a sproloquiare di razzismo e ad altre accuse insensate. Ciò mi ha profondamente indignato.

Inizio col dirti che sono arrivato a tale mansione dopo svariati anni al volante, come autista. Accettai di buon grado il cambio di incarico propostomi dai superiori perché stanco dei turni e a causa del culo che iniziava, a furia di star seduto, a farmi decisamente male. Ogni tanto mi chiedo chi me l'abbia ha fatto fare. Le condizioni di lavoro sono andate sempre peggiorando.

Di aneddoti vissuti potrei raccontartene a decine, ma non voglio tediarti a lungo. Ciò che ho constatato è una sempre più profonda regressione della nostra millenaria civiltà a uno stato di malato imbarbarimento. Nel giro di pochi mesi, ho rischiato un processo per percosse su un egiziano che, "esasperato" dalle mie pressioni – favorirmi un documento per la compilazione della sanzione amministrativa, la multa –, ha ben pensato di simulare un pestaggio rompendosi la testa da solo sui vetri e le sbarre poggia mani, procurandosi ferite alla testa. Fortunatamente, la testimonianza di due passeggeri mi ha completamente scagionato. Per non parlare di quella volta che ho beccato un reietto, con i pantaloni abbassati, intento a trastullarsi il membro. Oppure, di tutte le spiacevoli occasioni in cui mi capita di dover far fronte a baby gang di Maghrebini di seconda, terza generazione che il ticket di viaggio non sono intenzionati a corrisponderlo neanche per il caxxo.

Recentemente, ho dovuto gentilmente accompagnare fuori dal mezzo, a calci e pugni, un ubriacone violento. Sai qual è stata la mia più grossa preoccupazione? Che qualcuno, tra le persone presenti, mi avesse filmato con uno smartphone – ottimo strumento per decontestualizzare e manipolare gli avvenimenti. Già mi immaginavo la mia testa stritolata dalla fredda gogna dei benpensanti di Sinistra. Per qualche giorno, ho controllato ansiosamente le notizie di cronaca locale nella speranza che nessuno avesse denunciato quanto accaduto. Fortunatamente i telefonini sono rimasti al loro posto, in tasca. Già, perché sappiamo come funziona la legge in questo strano Paese. Prima devi beccarti una coltellata, poi, se ti rimangono le forze, puoi difenderti, senza però eccedere naturalmente. Ma io sono ancora uno di quelli che preferisce un brutto processo a un bel funerale.

In questi anni ho sviluppato un sesto senso particolare, mi basta un'occhiata a bordo e capisco già se c'è uno pericoloso, sono le facce stesse a parlare. Fare questo lavoro richiede una bella dose di pazienza e coraggio, occorre anche gentilezza e nervi saldi.

Nonostante ciò, chi svolge questa professione non è esente da luoghi comuni. Uno dei più odiosi è quello che sostiene, da parte nostra, la tendenza a soprassedere alle irregolarità degli stranieri. sciocchezze! Non potrei guardarmi in faccia, al mattino, dopo aver fatto un verbale a una anziana autoctona ed aver fatto finta di niente con il nigeriano di 2 metri. La verità è che a volte ha più senso obbligare lo straniero di turno, sprovvisto di titolo di viaggio, a pagare il biglietto, perché la sanzione comminatagli non verrebbe mai versata. Oltretutto sono poco propensi a fornire documenti e, delle volte, ne sono proprio sprovvisti. In casi come questi, è necessario l'intervento delle forze dell'ordine per l'identificazione e ciò comporta ritardi e perdite di tempo per gli altri viaggiatori.

Quanto mi piacerebbe portarmi la cara Boldrini appresso e mostrarle il famoso stile di vita da lei tanto decantato. Certo, fare discorsi dall'alto delle belle torri d'Avorio è facile, ma presto sarà la costa d'Avorio a salire da loro. Ne sono certo, manca poco. Poi, non farneticheranno più. Quelli come me lo sanno bene. Io sono l'uomo della strada, quello che la realtà sociale la vive in prima persona. Non ho nessun potere di polizia, nessun giubbetto in kevlar, nessuna Beretta o tonfa. Possiedo unicamente uno spray urticante, acquistato da me, ma prima di usarlo devo pensarci dieci volte. Non voglio fare del vittimismo, mi pagano per fare quel che faccio – sempre troppo poco. Auspico unicamente che polemiche inutili, come quella citata all'inizio di questa lettera, non siano nemmeno prese in considerazione da voi cittadini per bene. Vorrei anche maggior tutela, non inutili polveroni mediatici da chi strumentalizza i fatti per scopi politici.

Grazie per aver accolto il mio sfogo e buon lavoro a tutti i colleghi.

L.M.

http://www.ildetonatore.it/2021/02/22/la-lettera-vorrei-portarmi-dietro-la-boldrini-quando-vado-a-lavorare/?fbclid=IwAR39cMVaEz-667eO6fgK8lMB8IMEQP4bWq6F2tMo9pSKtF26qZIVYoBN9Mk
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

dotar-sojat

A Milano questa categoria è sempre più a rischio, sia sui treni che sui tram, soprattutto le linee serali o notturne, ricordo che un paio di anni fa ad un controllore venne tagliato un braccio con un machete... fate vobis...
Spera nel meglio, aspettati il peggio

Finnegan

Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

dotar-sojat

qua a Milano c'è la gang dei salvadoregni, quelli che hanno tutta la faccia tatuata che si vedono nei film con van damme o stephen seagal, molto pericolosi.
Io mi domando come abbiano potuto permettere che questo accadesse, non c'erano queste gang fino a 15/20 anni fa
Spera nel meglio, aspettati il peggio

Ent

Jean-Louis Harouel, storico francese, così scriveva nel 2016, nell'opera "I diritti umani contro il popolo":

L'ideologia immigrazionista lotta per iscrivere il diritto di immigrare tra i diritti dell'uomo. È l'utopia millenarista della redenzione dell'Europa grazie a un'immigrazione principalmente venuta dall'Africa e dal Medio Oriente. Questa propaganda poggia su un sofisma che lascia intendere che gli immigrati sarebbero dei cittadini della nazione come gli altri, e che devono di conseguenza beneficiare degli stessi diritti. Si tratta di ragionare "come se il genere umano si fosse politicamente unificato".

Detto ciò, la sorte degli immigrati illegali interessa in realtà molto poco ai "fanatici dell'utopia immigrazionista". L'immigrazione per loro è soltanto un pretesto per lavorare alla "distruzione delle nazioni", che precede "l'età dell'oro dell'avvenire" nel quale essi sognano che avverrà "la riconciliazione dell'umanità con se stessa". Il vero obiettivo di questi credenti lasciati orfani dalla caduta del comunismo è di realizzare "la decomposizione delle strutture politiche e sociali - a cominciare dalla famiglia, la scuola, la nazione". Realizzazione ultima dei loro "sogni messianici", l'invasione dell'Europa occidentale da parte dell'immigrazione è per i rivoluzionari europei, attivisti dei diritti dell'uomo, l'equivalente ella "Rivoluzione purificatrice".


Prosegue poi l'autore:

L'immigrazione extra-europea è ormai costituita non più da individui ma da popolazioni. Ma, se gli individui possono integrarsi, le popolazioni non si integrano. Una nazione non può assimilare delle popolazioni, soprattutto se diverse da essa. L'assimilazione avviene solo ai margini di questi gruppi e riguarda un piccolo numero di individui. La maggior parte resterà estranea alla società francese e alla sua civiltà.
Ciò dà sfortunatamente la certezza che la maggioranza di questi immigrati e i loro discendenti, anche se possiedono la cittadinanza francese, non si assimileranno. Dunque se la non-assimilazione di qualche straniero non è un problema per la nazione - potrebbe persino essere un apporto esotico originale  e fecondo - al contrario, la non-assimilazione di vasti gruppi etnici comporta la formazione di un contro-popolo, di una contro-società nefasta per il Paese di accoglienza. [...]

Questa contro-società extra-europea tende a monopolizzare i quartieri di alloggi sociali dei grandi agglomerati, in cui avevano vissuto abbastanza felicemente la classe popolare e una parte della classe media [...]

Nei Paesi europei in cui si aveva, come scrive Tocqueville, "la fortuna di nascere in mezzo ad uomini che la natura aveva fatto nostri simili", è una follia aver lasciato che si insediasse una società che si chiama falsamente "multiculturale". È una follia ancor più grande lasciare che la situazione continui a degradarsi con l'arrivo ininterrotto di nuovi immigrati.


Finnegan

Citazione di: dotar-sojat il 24 Febbraio 2021, 04:31:24 PM
qua a Milano c'è la gang dei salvadoregni, quelli che hanno tutta la faccia tatuata che si vedono nei film con van damme o stephen seagal, molto pericolosi.
Io mi domando come abbiano potuto permettere che questo accadesse, non c'erano queste gang fino a 15/20 anni fa
Più che permettere volere, in base alla teoria del caos gestito. Un amico sociologo ha detto che non permetteranno a una cultura di affermarsi, una volta neutralizzata quella occidentale con l'Islam affosseranno quest'ultimo con gli asiatici soprattutto cinesi.
Citazione di: Ent il 24 Febbraio 2021, 07:04:46 PM
Jean-Louis Harouel, storico francese, così scriveva nel 2016, nell'opera "I diritti umani contro il popolo":

L'ideologia immigrazionista lotta per iscrivere il diritto di immigrare tra i diritti dell'uomo. È l'utopia millenarista della redenzione dell'Europa grazie a un'immigrazione principalmente venuta dall'Africa e dal Medio Oriente. Questa propaganda poggia su un sofisma che lascia intendere che gli immigrati sarebbero dei cittadini della nazione come gli altri, e che devono di conseguenza beneficiare degli stessi diritti. Si tratta di ragionare "come se il genere umano si fosse politicamente unificato".

Detto ciò, la sorte degli immigrati illegali interessa in realtà molto poco ai "fanatici dell'utopia immigrazionista". L'immigrazione per loro è soltanto un pretesto per lavorare alla "distruzione delle nazioni", che precede "l'età dell'oro dell'avvenire" nel quale essi sognano che avverrà "la riconciliazione dell'umanità con se stessa". Il vero obiettivo di questi credenti lasciati orfani dalla caduta del comunismo è di realizzare "la decomposizione delle strutture politiche e sociali - a cominciare dalla famiglia, la scuola, la nazione". Realizzazione ultima dei loro "sogni messianici", l'invasione dell'Europa occidentale da parte dell'immigrazione è per i rivoluzionari europei, attivisti dei diritti dell'uomo, l'equivalente ella "Rivoluzione purificatrice".


Prosegue poi l'autore:

L'immigrazione extra-europea è ormai costituita non più da individui ma da popolazioni. Ma, se gli individui possono integrarsi, le popolazioni non si integrano. Una nazione non può assimilare delle popolazioni, soprattutto se diverse da essa. L'assimilazione avviene solo ai margini di questi gruppi e riguarda un piccolo numero di individui. La maggior parte resterà estranea alla società francese e alla sua civiltà.
Ciò dà sfortunatamente la certezza che la maggioranza di questi immigrati e i loro discendenti, anche se possiedono la cittadinanza francese, non si assimileranno. Dunque se la non-assimilazione di qualche straniero non è un problema per la nazione - potrebbe persino essere un apporto esotico originale  e fecondo - al contrario, la non-assimilazione di vasti gruppi etnici comporta la formazione di un contro-popolo, di una contro-società nefasta per il Paese di accoglienza. [...]

Questa contro-società extra-europea tende a monopolizzare i quartieri di alloggi sociali dei grandi agglomerati, in cui avevano vissuto abbastanza felicemente la classe popolare e una parte della classe media [...]

Nei Paesi europei in cui si aveva, come scrive Tocqueville, "la fortuna di nascere in mezzo ad uomini che la natura aveva fatto nostri simili", è una follia aver lasciato che si insediasse una società che si chiama falsamente "multiculturale". È una follia ancor più grande lasciare che la situazione continui a degradarsi con l'arrivo ininterrotto di nuovi immigrati.


E' evidente che quella multiculturale è una utopia, o una scusa, ma abbiamo una classe dirigente scelta per la sua incompetenza, che potrebbe credere davvero di instaurare un incubo socialista fondato sull'assenza di cultura e identità, costituito da masse informi e impoverite.
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Risposta rapida

Attenzione: non sono stati aggiunti messaggi in questa discussione negli ultimi 120 giorni.
A meno che tu non voglia realmente rispondere, prendi in considerazione l'idea di iniziare un nuova discussione.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima