La CEI a favore del DDL Zan!

Aperto da Finnegan, 17 Maggio 2021, 02:36:16 PM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Finnegan

Cari cattolici progressisti, la CEI ha parlato, avete la coscienza tranquilla. O no?
NB Questo articolo parla della situazione della Chiesa. Non si confondano le mie decisamente laiche obiezioni qui al DDL Zan con gli argomenti bliblici dell'articolo.

... E la CEI allargò al Finestra di Overton

di Danilo Quinto [ex radicale convertito]

Titolo originale: La porta stretta

Il Presidente della CEI indica al Parlamento come comportarsi nei confronti del "ddl ZAN": va migliorato, non affossato, dice. Nessuno ha intenzione di affossare il "ddl ZAN", che sarà approvato senza alcun dubbio. L'indicazione di mons. Bassetti è del tutto inutile, perché i parlamentari che si definiscono cattolici – ammaestrati all'ignavia – sono pronti a perseguire il male minore, come la Chiesa post-conciliare ha insegnato loro in questi decenni, ignorando dolosamente il principale degli insegnamenti contenuto nel Vangelo: distinguere il Bene dal Male e invitare gli uomini a formarsi un retto giudizio, per poi applicarlo, con rettitudine e onestà, agli eventi della loro vita, personale, sociale e politica, nel timore di Dio e della mano con cui eserciterà la Sua Giustizia.

L'appello del presidente della CEI si allinea ai plausibili risultati dei sondaggi, in base ai quali quasi l'80% degli italiani condivide i contenuti di quel ddl. La forza devastante di un'ideologia che non ha conosciuto ostacoli e che è penetrata nelle viscere di questo Paese, attraverso i canali culturali e d'informazione al suo servizio, ha prodotto questi frutti, favoriti da una Chiesa alla deriva, che rappresenta l'esatto contrario della forza, della chiarezza e della ragionevolezza dei princìpi della legge naturale, e quindi divina. Ignorati, calpestati e, infine, cancellati.

Piacere al mondo o a Dio? Un interrogativo retorico, che non ha più neanche senso porre. Chi opera proponendo compromessi, adeguamenti, aggiustamenti, mezze verità, ha già fatto la sua scelta ed è divenuto complice di un'ideologia anticristica, che intende eliminare la stessa nozione e la stessa esistenza di Dio. L'intero percorso dei cosiddetti diritti civili – dal divorzio e dall'aborto – insegna proprio questo. Il campo nemico della Verità si è allargato ed ha vinto, la sua ideologia è divenuta dilagante, perché è risultato del tutto insignificante il suo avversario, annichilito, spaurito, perso nelle sue paure.

Agli occhi di Dio, siete Voi, membri della gerarchia ecclesiastica, Voi che conoscete la Verità e non la proclamate, i maggiori responsabili dei crimini contro la Verità che si sono già realizzati. La giustizia di Dio cadrà innanzitutto su di Voi, che sulla Terra dovreste essere la Sua voce. Il Vostro compito principale dovrebbe essere quello di infondere coraggio e di dare speranza alle pecore che Vi sono state affidate da Nostro Signore Gesù Cristo grazie al Suo Sacrificio sulla Croce. Questo compito l'avete disatteso. Avete lasciato pascolare le Vostre pecore sul prato della tiepidezza e del quieto vivere, indicando loro un'orizzonte di vita che guarda solo alle cose di questa Terra, che sono destinate a perire e facendo loro dimenticare il Cielo, la vita e le leggi eterne.

Chi non conosce la Verità, chi non la vive, chi la disprezza, ha meno responsabilità di Voi. Avete oltrepassato il segno. Siete consapevoli di operare nel modo opposto a quello indicato da Dio e mostrate di non averne alcun timore. Preferite siglare patti scellerati con il potere civile, com'è avvenuto nella vicenda Covid-19 e assecondare piani di sovvertimento dell'ordine naturale, genuflettendovi dinanzi a coloro che dovreste invece ammonire, in nome del Verbo che si è fatto carne ed è venuto ad abitare in mezzo a noi e che chiese ai Suoi discepoli: il Figlio dell'Uomo, quando tornerà, troverà la fede su questa terra?

Con queste parole profetiche, Gesù si rivolgeva innanzitutto ai Suoi amici, perché a loro aveva affidato il compito di diffondere la fede, di farla palpitare nella vita, nelle menti e nei cuori degli uomini e perché sapeva chi è il padrone del mondo: il principe delle tenebre, che Lo tentò ripetutamente nel deserto. Tradire Gesù su questo punto capitale significa prenotarsi per l'Inferno, che non è vuoto, come Voi pensate. Per evitarlo, la porta è stretta – così l'ha definita il Figlio di Dio – e Voi, con ostinazione, mostrate persino di disinteressarvi su quali pietre, cementate dal sangue versato dal Figlio di Dio, poggiano i suoi cardini.

Infatti subito la RAI comincia la propaganda :
https://twitter.com/i/status/1393683922677026821

Si noti il salto logico da "C'è sempre stata" a "Connaturata", ergo  naturale. Anche l'omicidio "c'è sempre  stato" da Caino in poi,  dunque è "naturale"?  (Oddio, non diamo  un'idea a Marattin..)

https://www.maurizioblondet.it/e-la-cei-allargo-al-finestra-di-overton/?utm_medium=push&utm_source=onesignal&utm_campaign=push_friends

Americo Mascarucci, ex abundantia cordis ci offre questa riflessione sull'improvvida esternazione del presidente della Conferenza Episcopale Italiana in relazione al DDL liberticida Zan. Buona lettura, e grazie a Mascarucci.

§§§
Perché l'ecumenismo di Bassetti è più pericoloso del Ddl Zan

Purtroppo come sempre avviene in certi casi buona parte del mondo cattolico, quello più marcatamente modernista e progressista e buona parte della Conferenza Episcopale Italiana, sembrano non aver compreso la gravità del Ddl Zan e i risvolti negativi che questa legge, se approvata, potrebbe avere anche nella Chiesa. Sembrerebbe, ma forse non è propriamente così.

Non lo ha compreso sicuramente il presidente della Cei cardinale Gualtiero Bassetti, che in perfetto spirito ecumenico conciliarista appare incline alla trattativa, alla mediazione, al compromesso con la politica. Dimenticando che sono proprio i compromessi a favorire poi gli errori più clamorosi, come la storia del Concilio Vaticano II insegna. A detta di Bassetti il Ddl Zan non andrebbe affossato del tutto, ma migliorato e corretto, facendo chiaramente intuire che al di là delle storture è comunque una buona legge. Analogo copione andò in scena anche in occasione del Ddl Cirinnà sulle unioni civili, quando nella Cei c'era chi era pronto a barattare il tutto con qualche mancetta per le famiglie.

Ma forse una certa accondiscendenza nei confronti di un provvedimento liberticida, che nel nome della lotta alle discriminazioni contro gay, lesbiche e transessuali finisce con il discriminare chi si oppone all'ideologia Lgbt, è anche motivata dal fatto che grazie ad una legge dello Stato si potrà mettere a tacere nella Chiesa chi ancora si oppone con forza alle unioni omosessuali e alla possibilità di riconoscimenti sacramentali, benedizioni e quant'altro. E' risaputo che anche nel clero italiano ci siano tanti preti, per altro fan sfegatati di papa Bergoglio, che sarebbero pronti a seguire i colleghi tedeschi e a benedire le coppie gay. Qualcuno lo ha già fatto in verità, come l'ex parroco di Sant'Oreste in provincia di Roma che si è fatto prestare la fascia tricolore dal sindaco del luogo per unire civilmente una coppia di amici omosessuali.

Ma torniamo alla legge Zan. A tal proposito conviene riportare due dichiarazioni di due diversi vescovi italiani in merito alle unioni gay. La prima è dell'arcivescovo di Campobasso Giancarlo Maria Brigantini, non certamente un conservatore o tradizionalista, anzi un vescovo molto vicino a Bergoglio e da questi molto apprezzato. A proposito della possibilità di riconoscere le coppie gay Bregantini in un'intervista a La Fede Quotidiana disse: "Non ci sta niente da festeggiare in una unione gay, semmai bisognerebbe esaltare la nascita del decimo figlio in una famiglia. Io ho rispetto per i diritti individuali delle persone, ma con altrettanta chiarezza dico che non è  pensabile di fatto, equiparare la famiglia naturale composta da uomo e donna aperti alla vita alle unioni omosessuali. Ci troviamo davanti ad una sconfitta della  civiltà occidentale  e alla imposizione di una cultura sbagliata. Valuto gravissimo per esempio che a Torino si sia pensato di fare un assessorato alle famiglie".

La seconda dichiarazione invece è dell'arcivescovo di Palermo Corrado Lorefice, sostenitore di veglie contro l'omofobia, il quale in un messaggio inviato ad una di queste iniziative scrisse: "Gesù di Nazareth, testimone delle viscere di misericordia di Dio per gli uomini, il Crocifisso risorto che libera dal peccato e dalla morte, ha fatto dell'accoglienza e del riconoscimento dell'altro il paradigma e il segno dell'irruzione del regno di Dio nel mondo. Mentre deploriamo con fermezza che le persone omosessuali siano state e siano ancora oggetto di espressioni malevole e di azioni violente, preghiamo perché i cristiani, attingendo con ascolto discepolare alla grazia dell'Evangelo, testimonino e annuncino, con audacia profetica, l'incondizionato rispetto dovuto ad ogni persona e denuncino ogni forma di discriminazione ed emarginazione".

Posizioni provenienti da due autorevolissimi pastori della Chiesa cattolica ma molto diverse fra loro. E' evidente come nella prima, quella di Bregantini, in base alla Legge Zan potrebbero ravvisarsi chiaramente i connotati di una posizione omofoba, laddove il presule arriva a sostenere che in una coppia gay "non c'è nulla da festeggiare" e lasciando chiaramente intendere che da quell'unione non potrà mai nascere una nuova vita.

Nella seconda invece l'arcivescovo di Palermo utilizzando un linguaggio "politicamente corretto", pur non pronunciandosi esplicitamente a favore delle unioni gay lascia chiaramente intendere la sua posizione favorevole. Condanna le discriminazioni contro le persone omosessuali, ma fra le righe appare evidente il tentativo di sancire una certa forma di benevolenza verso le unioni fra persone dello stesso sesso.

Il punto sta nel fatto che qualora Bregantini dovesse ripetere le sue considerazioni in un qualsiasi pubblico evento, partecipando ad un convegno o ad un dibattito televisivo, potrebbe trovare dall'altra parte qualcuno pronto a denunciarlo per omofobia, laddove il monsignore indirettamente lascerebbe supporre che un'unione gay sarebbe comunque "contro natura" in quanto impossibilitata a procreare. Chi potrebbe escludere che le parole di Bregantini non possano essere interpretate come discriminatorie o peggio come istigatrici di omofobia? E siamo sicuri che l'arcivescovo di Campobasso o qualsiasi altro sacerdote che dovesse ripetere certe considerazioni, saranno così fortunati da trovare sempre dei giudici realmente imparziali e disposti ad assolverli da eventuali accuse sulla base di un sacrosanto diritto di esprimere un'opinione?

La sensazione che si percepisce in buona parte del mondo cattolico progressista è proprio il tentativo di sfruttare la legge Zan anche per omologare il clero e la Chiesa al pensiero unico dominante, ad accettare l'ideologia gender e dulcis in fundo ad adattare il Vangelo allo "spirito dei tempi", cancellando tutte le considerazioni negative che i padri della Chiesa per secoli hanno espresso in merito al peccato di sodomia e ai sodomiti stessi.

E sia chiaro, nessuno sta dicendo che i gay vanno discriminati o peggio perseguitati come avviene in larga parte del mondo islamico, ma non si può neanche pretendere che tutti debbano uniformarsi ad una logica politically correct che porti magari a negare che Dio "maschio e femmina li creò".

Il silenzio della Chiesa e dei vescovi in merito ai pericoli insiti nelle pieghe del Ddl Zan, o peggio ancora certe recenti dichiarazioni benevolenti come quella del cardinal Bassetti, fanno sorgere due legittime domande: forse alla Cei non hanno esaminato dettagliatamente la proposta di legge e ne ignorano i contenuti? Difficile crederlo. O forse si preferisce assecondare il progetto di punire come omofobi tutti quelli che si opporranno in futuro all'indottrinamento gender e insisteranno nell'affermare come San Giovanni Paolo II che l'omosessualità rappresenta un "disordine morale" e che "le unioni omosessuali sono in aperto contrasto con il progetto di Dio"? E a quale scopo? Per fare in modo che anche dentro la Chiesa si finisca con l'omologarsi tutti all'ideologia arcobaleno delle sinistre fucsia che hanno ormai sostituito la questione sessuale a quella sociale?

La Germania non è poi così lontana da noi se si è pronti a scendere a compromessi con i proponenti il Ddl Zan negandone la pericolosità ideologica di base: "Il vostro parlare sia sì,si, no,no; il di più viene dal maligno". E non lo ha detto certamente Salvini.

Americo Mascarucci- giornalista e scrittore

https://www.marcotosatti.com/2021/05/17/perche-lecumenismo-di-bassetti-e-più-pericoloso-del-ddl-zan/
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Junio1

secondo me il declino di una nazione ha inevitabilmente alla base il declino del fondamento religioso, è la sua causa

Finnegan

Esatto. Quel che azzoppa i movimenti maschili è non riuscire a espellere da sé le istanze radicali, femministe e sessantottine che ha introiettato a tal punto da considerarle irrinunciabili.
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Serenissimo

Citazione di: Finnegan il 13 Giugno 2021, 06:18:15 PM
Esatto. Quel che azzoppa i movimenti maschili è non riuscire a espellere da sé le istanze radicali, femministe e sessantottine che ha introiettato a tal punto da considerarle irrinunciabili.

Soprattutto quelle sessantottine .

Peggio ancora , c'è gente che nelle pagine MRA arriva a negare la teoria LMS . Ci credo che poi molti diventano dei beta providers .
Da una dona a un molin no gh'è gran diferenza.

Finnegan

Chi, le infiltrate femministe su FB?

Inviato dal mio Galaxy Note Ultra utilizzando Tapatalk

Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Serenissimo

Citazione di: Finnegan il 14 Giugno 2021, 10:06:54 AM
Chi, le infiltrate femministe su FB?

Inviato dal mio Galaxy Note Ultra utilizzando Tapatalk

Quelle leggono ossessivamente le pagine , ma parlo proprio di una piccola percentuale di uomini che negano proprio la teoria LMS . Mancano le basi , ad alcuni.
Da una dona a un molin no gh'è gran diferenza.

Finnegan

Purtroppo anche gli uomini fanno i cavalier serventi. In genere per motivi politici
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Risposta rapida

Attenzione: non sono stati aggiunti messaggi in questa discussione negli ultimi 120 giorni.
A meno che tu non voglia realmente rispondere, prendi in considerazione l'idea di iniziare un nuova discussione.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima