Della speranza e dell'illusione

Aperto da Finnegan, 10 Gennaio 2022, 12:50:52 AM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Finnegan

Su Renovatio 21 leggo un articolo della Frezza: https://www.marcotosatti.com/2022/01/09/renovatio-21-la-crudelta-delle-nuove-leggi-razziali/?unapproved=175779&moderation-hash=233208780eeb6b65f63773efff084ccf#comment-175779

L'articolo di Elisabetta (di cui è di esempio la tenacia nelle battaglie per la vita) è edificante ma, almeno per ora, non si vede questo sussulto di coscienza civile, ancor meno l'"eroismo e la santità" di un Paese abbrutito da decenni di secolarizzazione a tappe forzate. Sempre che "eroismo e santità" abbiano conseguito qualche vittoria dal 1861 in poi, dalle "Vandee italiane" alle battaglie contro aborto e divorzio.

Uno dei problemi di noi cristiani (un po' puerili, absit iniuria verbis) di oggi, è questa narrativa consolatoria, di evasione da una realtà completamente opposta.
I primi cristiani non si facevano illusioni, e infatti ci vollero secoli per arrivare a Costantino.
Più di recente, Thomas Eliot ha parlato di "secoli bui che ci stanno dinnanzi" e Marshall McLuhan di "dissipazione totale" della struttura amministrativa della Chiesa sulla Terra, che "sopravviverà per secoli in aree remote e arretrate".
Altro che santità dell'Italia... definita "nazione adultera" in recenti rivelazioni private (o della Francia, sempre più islamizzata ma ancora creduta "figlia primogenita della Chiesa").

Tanto la tradizione biblica quanto quella greca mettono in guardia sul confine sottile tra speranza (mi riferisco a quella terrena) e illusione.
Istruttivo il caso di Haiti, dominata da una religione diabolica, che ha diffuso "profezie" secondo cui il terremoto sarebbe stato una prova, dopo la quale quell'isola tra le più miserabili, sarebbe diventata il luogo più ricco della Terra. A nessuno sfugge la diabolicità grottesca e puerile di tali menzogne.

I greci narravano la storia del vaso di Pandora; l'accolse lo stolto Epimeteo, e aprì il vaso dal quale presero il volo tutte le sciagure dalle quali l'uomo in seguito è stato afflitto (pare di vedere certi volti illustri fare capolino come lucertole dall'orlo). Tuttavia, aggiunge il mito, uno dei mali restò in fondo al vaso: la "speranza". Quella dipende dall'uomo, il quale, se è saggio, la terrà chiusa là dentro e inoffensiva, evitando di lasciarsene contaminare. Quanto agli antichi ebrei, la loro lingua aveva un vocabolo che significava tutt'insieme speranza e inganno, e san Gerolamo lo tradusse genialmente: illusio.
Nella speranza (ripeto terrena, non quella nella salvezza) esiste invece sempre una certa trepidazione nascosta che si tenta d'invertire in coraggio, un'ansia che si procura di placare mediante esortazioni retoriche. Vi trovi un affidamento, una fiducia concessa senza un troppo stretto esame dei motivi razionali di credibilità. Chi spera fischia nel buio e invoca i genitori: si spera sempre per disperazione.

Se mai la Divina Provvidenza vorrà abbreviare queste prove, sembra probabile che si servirà , come ha osservato lucidamente Alessandro Meluzzi, dell'opposizione di interessi costituiti che non condividono il piano di questi poteri forti.
Ché se la vittoria dipende dalla santità del popolo italiano, stiamo freschi.
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Il Conte di Lautréamont

"Il male divora sè stesso", disse Giovanni Paolo II e lo poteva sapere perchè vide davanti ai suoi occhi cadere prima l'impero del male di Hitler e poi quello sovietico. I pagani invece dicevano qualcosa di non molto diverso, ma più esaustivo: "il peccato rende sterile la terra". Questo spiegava perchè nei luoghi in cui si celebravano i pubblici mercati si tenevano anche le condanne a morte. Oggi si potrebbe dire che nessuna economia può sussistere senza la Giustizia e di fatto la Malagiustizia dell'ex Belpaese è uno dei motivi che tiene lontani i capitali stranieri da investimenti in Italia. Quindi non ho dubbi che il Cristianesimo vincerà. Le società inique e malvage sono destinate a crollare. Il problema è quando. Come ha detto Padre Livio, uno tra i personaggi cattolici che più si è esposto contro il Great Reset, una società senza Dio come quella che vogliono costruire non terderà molto a fallire. Anzi è probabile che fallirà fin da subito. Spetta a noi soffiare sopra al loro castello ci carte.

Finnegan

Post molto interessante, vorrei fare due commenti:
Citazione"Il male divora sè stesso" il peccato rende sterile la terra".
Esatto ma, in questo momento, gli italiani sono un "popolo di santi e di eroi" o gli epigoni di Sodoma e Gomorra (non solo nello scontato senso LGBT)? Su un popolo perduto si abbatte il diluvio, o se si preferisce un popolo corrotto e decadente viene gettato nella pattumiera della Storia.
CitazioneIl problema è quando.
Già, ma anche "come": quando il Reset fallirà, gli italiani risorgeranno o la nostra penisola diverrà una colonia africana (in senso economico e demografico)?

Matteo D'Amico dice che in questi decenni è stata violata la nostra cultura, il 'codice sorgente' che fa funzionare un popolo (ora violano direttamente anche il DNA): gli italiani non hanno più spina dorsale, pensano solo a consumare beni materiali, intrattenimento e (pensiero quasi unico dei siti maschili, spesso imbibiti di nichilismo) sesso.
Come ha detto anche Blondet, un popolo del genere è capace di reagire o, come abbiamo visto, si avvia docile al crematorio vaccinale? Non a caso, non conosco attivista maschile a parte Cosimo che si sia pronunciato contro l'eutanasia.

Anche solo evocare tematiche civili ed etiche provoca indifferenza e controversie, mentre i siti dove si pubblicano deretani e parolacce vanno a gonfie vele :dirol: Se non si hanno le idee chiare, figurarsi la motivazione e la capacità di organizzarsi. :lol:
Affinché il nostro Paese continui ad esistere si può sperare, come ha detto Meluzzi, che qualche potere abbastanza forte cambi la narrativa dei media, o ne crei di nuovi, e qualche personaggio di peso riesca a svegliare la gente. Se hanno votato Grillo, tutto è possibile :))
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Il Conte di Lautréamont

Citazione di: Finnegan il 10 Gennaio 2022, 11:20:54 AM
Matteo D'Amico dice che in questi decenni è stata violata la nostra cultura, il 'codice sorgente' che fa funzionare un popolo (ora violano direttamente anche il DNA): gli italiani non hanno più spina dorsale, pensano solo a consumare beni materiali, intrattenimento e (pensiero quasi unico dei siti maschili, spesso imbibiti di nichilismo) sesso.
Basta dare un'occhiata al Forum dell'Innominabile per vedere come gli Incel sembrano vivere in un mondo parallelo, come se nulla stesse accadendo, con i soliti temi di sempre aggiornati dall'agenda LGBT. Dovrebbero essere arrabbiati almeno quanto la generazione dei giovani inglesi degli anni '50 sotto il governo Eden. E invece niente, si discute se sia il caso di passare sull'altra sponda e andare a pigliarlo in quel posto pur di avere una vita sessuale. Eppure non mancano coloro che lì dentro non si sono realizzati neanche sotto il profilo professionale. Penso che la riscossa partirà dai 30 anni in poi, prevalentemente vedo i 40enni in primo piano ( penso a Stefano Puzzer e alla Schilirò; Diego Fusaro ne ha 39 ) ai quali si aggiungono vecchi saggi come Cacciari, Agamben, Freccero, Montanari, Sinagra, Giorgianni e Mattei. Anche in Vaticano non mancano i soldati di Cristo. E' stato già lanciato il grande appello verso la costituzione di un CLN. Ci sono già varie associazioni come i 1000 avvocati per la Costituzione, i 1000 medici per la Costituzione, associazioni di medici come Ippocrate.org e vari luminari a piede libero contro la vulgata ufficiale. Siamo già tanti. Il problema è un altro e purtroppo nessuno lo ha evidenziato. Il governo sta lavorando per portare la gente verso l'esasperazione. Non aspetta altro che provocare i No-vax fino alla deflagrazione sociale. Archiviata la Fase 1 della vaccinazione forzata e coatta, passeranno alla Fase 2, quella dei microchips. Come fanno a impiantarceli da qualche parte nel nostro corpo? Non sarebbe possibile il ricatto, perchè mancherebbe la scusa. Ma la scusa la possono trovare facilmente, "motivi di sicurezza pubblica", ma devono creare dapprima la tensione sociale che faccia da detonatore allo scoppio di una rivolta violenta. Senza sommosse non hanno l'alibi del controllo tecnologico delle masse. Perciò non mi preoccupo delle giovanissime teste non pensanti che sono dedite al nichilismo anche sui siti maschili; sono allarmato invece della mancanza di una strategia. La via della "non violenza" fu tracciata per la prima volta dal pio Herman Melville che scrisse la short story "Bartleby lo scrivano". Egli propugnò con una tale tragicomica figura, che rappresentava in definitiva il Gesù Cristo moderno, il modello della disubbidienza sociale. Dobbiamo avere il coraggio di dire a quelli di Davos "No thanks, We would prefer not to join to the new world order" e dare vita ad un nostro mondo parallelo.

Finnegan

Indubbiamente la gran parte dei siti maschili elude temi cruciali con argomenti futili, che conspevolezza maschile è?
Sicuramente ci sono molte iniziative, vedremo che frutti daranno. A mio parere serve un altro potere forte che si contrapponga a questo perché la base da sola non basta.
Quanto alle sommosse, di spontanee non ce ne saranno affatto, ma possono benissimo pensarci "loro" a organizzarne di fasulle come si è visto di recente.
L'esito di questa storia è scontato, un regime contronatura non può durare ma non penso si ritirerà in bell'ordine prima di aver fatto un bel po' di danni. Basta vedere Bergoglio, sono 9 anni che imperversa malgrado dubia, proteste e correzioni da parte di cardinali.
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Il Conte di Lautréamont

Per quel che ne so, c'è una parte della massoneria che è dissidente. Poi c'è Trump e la destra in generale, anche qualche paese non allineato alla vulgata ufficiale.
Riguardo ai siti maschili, non c'è solo il problema dell'elusione dall'attualità, ma persino una controinformazione sulle tematiche maschili che creano involontariamente o meno degli assist al femminismo. Mi vengono in mente le innumerevoli triptofanate seminate a vanvera da Gascò Altaba. Ci sarebbe da farne un'enciclopedia. Ti faccio un esempio: perchè la caccia alle streghe colpì quasi esclusivamente le donne? Risposta secca: perchè sebbene i giudici fossero uomini, l'impianto accusatorio si reggeva su testimoni che erano al 95% donne. E' una vergogna che non conosca nemmeno la storia del processo alle streghe di Salem. E la cosa buffa che in quel caso l'unico uomo giustiziato fu un teste che si rifiutò di testimoniare contro una donna. Preferì piuttoto morire che mandare a morte una innocente. E oggi cosa accade? Le donne, sempre loro con la propria e superba arte manipolatoria, vengono usate nel falso impianto accusatorio per processare uomini innocenti per violenza sessuale, molestie, stalking e maltrattamenti. Non è forse un pericoloso ingenuo? Infatti, proprio perchè non conosce quelle vicende, non riesce a vedere i parallelismi tra il passato e il presente. Nel Terzo Millennio va di moda la caccia all'orco in pantofole, con le stesse modalità della caccia alle streghe. Isteria collettiva ieri, isteria collettiva oggi. Le donne non sono state vittime, ma piuttosto carnefici anche di se stesse. Bambine o adulte, nessuna differenza. DA SEMPRE. Ora, lui ha scritto tante cose giuste contro la narrazione femminista del patriarcato, ma se mi scivola su queste bucce di banana, il suo pesante contributo letterario fa ugualmente un bel tonfo per terra. Mi piacerebbe pubblicare un giorno, non troppo lontano, l'elenco degli errori con le relative spiegazioni. Il suo sforzo letterario, così come appare, purtroppo rischia di passare per una false flag.

Finnegan

Citazione di: Il Conte di Lautréamont il 11 Gennaio 2022, 02:01:34 PM
Per quel che ne so, c'è una parte della massoneria che è dissidente.
Lo ha detto Meluzzi e mi pare attendibile. Anche Trump sicuramente, ma al momento non ha potere se non mediatico (meglio di niente).

Per me Santiago E' un false flag maschile perché non mi pare assolutamente possibile che un uomo appoggi in buona fede, la marrativa femminista di negazione della paternità (ho portato qui abbondamenti prove).
Se hai note e materiale ben argomentato mandamelo pure e lo pubblicherò, purché ci siano citazioni accurate (dice sempre che lo travisiamo) e rimandi certi a fonti femministe.
La caccia alle streghe è in gran parte un mito moderno (femminista) ma lui non discute questa narrativa se non per dire (da quel che mi riferisci) che ne furono responsabili quasi solo donne, il che è palesemente insostenibile.
In generale quel libro, a parte il "lirismo" di certi passaggi contro il femminismo, è un autogol per la causa maschile per i palesi e colossali falsi storici e, parlando di interventi in rete dell'autore, della superficialità e ignoranza di certe ipotesi (paternità multipla, abolizione del matrimonio, coito coercitivo...)
Prova ne sia che NESSUN autore vicino alla causa maschile lo prende sul serio, lo citano solo i soliti quattro gatti del suo cerchio magico.
Incredibile il suo scivolone su valori etici, civili e religiosi inventati dalle donne per fregare gli uomini (logico sottinteso: vanno aboliti i valori che fanno la civiltà umana). E' vero l'esatto contrario ma oggi gli uomini non producono civiltà grazie un po' anche a lui.
Sposta l'attenzione su falsi bersagli collocati nel passato (quando non c'era il femminismo), ma appoggia e comunque non avversa l'agenda femminista sui "padri multipli".
I veri argomenti di Santiago, stando agli interventi in rete che ho letto, sono: abolizione del matrimonio, della paternità, sessualità deregolata come ai tempi (dice lui) dell'australopiteco. Il sesso casuale gratis per tutti (anche quando resta solo una chimera) è un argomento di sicuro richiamo, ma non segna alcun progresso civile e maschile.
Una mela all'apparenza buona se ha il baco va gettata e poetici passaggi contro il femminismo non valgono il veleno degli errori che contiene l'opera.
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Il Conte di Lautréamont

Perfettamente d'accordo, tanto più che la paternità è un valore tipico dell'Homo sapiens e assente in tutti gli altri primati dove addirittura i cuccioli non sono in grado di riconoscere il padre. Mi chiedo come si fanno a sostenere certe tesi, ma forse sarà tacitamente d'accordo con le femministe per farci soffiare la podestà genitoriale sui figli. Su questo aspetto verrebbe smontato in due secondi persino da un vecchio libro che si chiama "La scimmia nuda", scritto non di certo da un cattolico praticante, anzi, che io sappia Desmond Morris rimase ateo per tutta la vita e piuttosto scettico con la religione, eppure per lui la famiglia era una creazione tipicamente umana, da salvaguardare. Anzi la conclusione dei suoi studi è che non esisterebbe uomo al di fuori della famiglia.  Sulla sessualità deregolata è semplicemente ridicolo. La domanda è: ci è o ci fa? Difficile rispondere.
Citazione di: Finnegan il 11 Gennaio 2022, 05:49:51 PM
Una mela all'apparenza buona se ha il baco va gettata e poetici passaggi contro il femminismo non valgono il veleno degli errori che contiene l'opera.
Credo che bisogna operare qualche correzione e fargliela leggere, altrimenti il baco gli mangia anche la copertina :lol:.

Finnegan

La sua teoria è che la paternità indeterminata (chiamata "multipla" dalle femministe) libererebbe dal mantenimento, mentre le femministe molto la sostengono perché sanno bene che:
1. Così possono andare e fare figli con quanti uomini vogliono senza preoccuparsi della fedeltà (di cui non si preoccupa neppure lui) e
2. Senza rinunciare a farsi mantenere da più padri
Non so cos'abbia nella testa ma per me ci fa, perché la sua paternità l'ha difesa con le unghie e coi denti. Faccio qui solo cenno a un vasto argomento, per cui nella storia scorrono come un fiume carsico correnti di pensiero che vogliono abolire famiglia e paternità ma solo per la "massa bovina", mentre per pochi eletti resterebbero le consuete norme degli esseri umani. Una vera e propria DOPPIA MORALE. Chiamatelo complottismo, ma spiegatemi come mai uno che si batte in tribunale per l'affido dei fligli poi predica coito libero, abolizione del matrimonio, della famiglia e della paternità.

L'assenza di famiglia nei primordi della Storia umana è una colossale menzogna (come quella del femminismo) e questo articolo spiega molto bene come rovina una civiltà che distrugge la paternità e la famiglia:
https://www.coscienzamaschile.com/blog/leclissi-del-padre-matriarcato-e-distruzione-pilotata-della-civilta-italiana/
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Il Conte di Lautréamont

Effettivamente, avendo l'editoriale come tema la speranza, ecco io sono molto più preoccupato per la brutta piega che sta prendendo la questione maschile affrontata da questi soggetti. A parte il fatto che li ho definiti "cretinisti funzionali di regime": infatti, riprendendo tale definizione data da Lenin contro l'ingenuità di coloro che volevano risolvere la questione sociale in parlamento, anche loro pretendono di risolvere la QM e farsi dare qualche regalia dal femminismo imperante con la Costituzione revocata dall'emergenza sanitaria. Da notare un particolare non indifferente: sono persone di sinistra che hanno votato partiti di sinistra che hanno alimentato la terza ondata del femminismo di questi anni e oggi vogliono fare i capi della rivolta riproponendo gli stessi temi del nemico che giurano di combattere e con la medesima carica anticattolica. Non lo solo se Santiago ci fa; sicuramente ci fanno i suoi seguaci.

Risposta rapida

Attenzione: non sono stati aggiunti messaggi in questa discussione negli ultimi 120 giorni.
A meno che tu non voglia realmente rispondere, prendi in considerazione l'idea di iniziare un nuova discussione.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima