Si ribella al bullo e finisce indagato per lesioni

Aperto da dotar-sojat, 10 Febbraio 2022, 04:21:18 PM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

dotar-sojat

Quanti di noi non hanno visto bulli prendersela con i più deboli (anche con noi magari) e abbiamo sempre auspicato che qualcuno gli rendesse pan per focaccia?
ecco cosa è successo a Rimini:

Lite, a scuola, tra compagni: 15enne vittima di bullismo accoltella coetaneo
Il ragazzo era entrato nell'istituto tecnico portando con sé una lama e ha ferito il coetaneo, ora in ospedale

Accoltellamento, questa mattina, durante una lite tra due quindicenni, in un laboratorio dell'Istituto tecnico Alberti, nel centro storico di Rimini.
Dalle prime informazioni, uno studente sarebbe entrato a scuola portando con sé l'arma con la quale avrebbe poi colpito il compagno.
Non sono ancora chiare le motivazioni del gesto ma, dai primi elementi, l'accoltellamento avvenuto questa mattina sembrerebbe essere una reazione a precedenti e ripetuti episodi di bullismo. Secondo quanto ricostruito dalla Squadra mobile di Rimini, a spingere il 15enne all'estrema reazione sarebbero stati i ripetuti atti di vessazione psicologica che subiva da tempo.
Il ragazzo ferito, dopo essere stato colpito dalla lama all'altezza della milza, è stato trasportato al pronto soccorso dell'ospedale Bufalini di Cesena, dove ha avuto 40 giorni di prognosi, ma le sue condizioni non sarebbero gravi. Nella scuola, dopo l'allarme lanciato dai professori, è intervenuta la Polizia che ora sta raccogliendo le testimonianze per ricostruire i contorni della vicenda.
https://www.rainews.it/articoli/2022/02/lite-a-scuola-tra-compagni-15enne-accoltellato-nel-laboratorio-delledificio-06fbc168-55b8-4b5a-8699-71fda14e4a6e.html

Ma, a differenza dei film (o cartoni) dove la vittima reagisce al bullo e diventa eroe, qui diventa criminale.
Tutto si risolverà in tribunale, giusto?
Non è detto. Ricordo un paio di anni fa un caso analogo in sicilia, una vitta di bullismo reagisce e colpisce il bullo che, con la faccia tosta e l'arroganza pensa bene di denunciare la sua vittima per lesioni... non solo, ha pure trovato un PM e un GIP che hanno dato seguito all'istruttoria, e anche un giudice in primo grado che ha condannato la vittima (!!)... per fortuna in secondo grado la corte ha ravvisato il pesante stato emotivo della vittima che non ha trovato alcun aiuto (tanto meno a scuola) e alla fine, esasperato, non ha potuto fare altro che reagire.

E la scuola? Ecco cosa ha detto la preside (ovviamente cercando subito di deresponsabilizzarsi)

Accoltellamento Rimini, preside sconvolta: "Il bullismo non c'entra"
A 14 anni accoltella un compagno in classe, Franca Berardi ricostruisce l'accaduto: "La vittima è solamente un ragazzino molto infantile che 'dava fastidio' agli altri"
Prima di allora i due ragazzi non avevano mai dato segni di squilibrio. Non c'era nulla, nessun elemento, che potesse far presagire una reazione esagerata come quella a cui abbiamo assistito". Sono queste le parole di Franca Berardi, dirigente scolastica dell'istituto professionale Leon Battista Alberti di Rimini. Da un lato la presidente ci tiene a rivolgere "auguri di pronta guarigione allo studente rimasto ferito". Dall'altro però la Berardi desidera chiarire alcuni aspetti della vicenda, smentendo categoricamente "l'ipotesi del bullismo".

Rimini, 10 febbraio 2022 - Ci sarebbe l'ombra del bullismo dietro l'accoltellamento di uno studente di 14 anni, iscritto al primo anno dell'istituto professionale Leon Battista Alberti di Rimini, per mano di un coetaneo, suo compago di classe. Ai poliziotti che lo hanno interrogato, l'aggressore ha raccontato, in un lungo sfogo, una storia di fatta insulti e vessazioni continue, che alla fine lo avrebbero portato ad esplodere come una pentola a pressione. Stufo di essere preso di mira, stufo degli scherzi – una spinta, lo zaino o un astuccio buttati a terra – e degli sfottò, alcuni dei quali anche a sfondo sessuale, ieri poco prima delle 9, forse dopo aver subito l'ennesima presa in giro, l'adolescente ha tirato fuori un coltello a serramanico (che si era portato da casa) e ha colpito all'addome il coetaneo, davanti agli occhi esterrefatti degli altri ragazzi. Per una questione di millimetri la lama non ha raggiunto il fegato.


Il ferito si è trascinato sanguinante fuori dal laboratorio, immediatamente soccorso dai professori e dal personale scolastico. Sul posto si è precipitata l'ambulanza del 118 insieme ad una pattuglia della Squadra mobile. Il 14enne è stato portato d'urgenza all'ospedale Bufalini di Cesena. Al momento non sarebbe in pericolo di vita, pur avendo riportato ferite guaribili in 40 giorni.

La preside: "Il bullismo non c'entra"
"Prima di allora i due ragazzi non avevano mai dato segni di squilibrio. Non c'era nulla, nessun elemento, che potesse far presagire una reazione esagerata come quella a cui abbiamo assistito". Sono queste le parole di Franca Berardi, dirigente scolastica dell'istituto professionale Leon Battista Alberti di Rimini. Da un lato la presidente ci tiene a rivolgere "auguri di pronta guarigione allo studente rimasto ferito". Dall'altro però la Berardi desidera chiarire alcuni aspetti della vicenda, smentendo categoricamente "l'ipotesi del bullismo".
"Parliamo – puntualizza la dirigente – di due ragazzi che fino ad oggi non avevamo mai dato nessuno tipo di problema. Studenti del primo anno con un rendimento perfettamente nella norma e che non avevano mai ricevuto note o provvedimenti disciplinari. Da questo punto di vista la scuola è molto attenta nel monitorare quotidianamente i rapporti tra giovani all'interno delle classi, intervendo immediatamente di fronte al presentarsi di situazioni poco chiare. Allo stesso tempo viene svolto un lavoro importantissimo sul fronte educativo, coinvolgendo direttamente le famiglie e collaborando attivamente con esse, nel segno della massima trasparenza".
https://www.ilrestodelcarlino.it/rimini/cronaca/accoltellamento-1.7346244

Dove starà la verità? Vedremo
Spera nel meglio, aspettati il peggio

Finnegan

#1
Mgari poteva non accoltellarlo, ora ha la fedina penale sporca mentre gli altri contniueranno indisturbati a bullizzare - col permesso della preside, che si è affrettata a insabbiare tutto: bullismo nella sua scuola? Non esiste!
Un buon avv. gli consiglierebbe di denunciare i maltrattamenti, specialmente se ne aveva già parlato alla preside che potrebbe (leggi dovrebbe) rimanere coinvolta. Perché in una scuola, la responsabile ultima (e maggiorenne) è lei.
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Risposta rapida

Attenzione: non sono stati aggiunti messaggi in questa discussione negli ultimi 120 giorni.
A meno che tu non voglia realmente rispondere, prendi in considerazione l'idea di iniziare un nuova discussione.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima