Chi sono i vincenti per le donne?

Aperto da Finnegan, 5 Dicembre 2022, 05:15:19 AM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Finnegan

Come gli uomini preferiscono donne belle, le donne cercano uomini vincenti. E' una legge di natura su cui è inutile discutere. Ma chi sono davvero i vincenti per le donne?
Parliamo ovviamente di coppie stabili, nel caso di relazioni occasionali i fattori in gioco sono molto diversi.
Nella mia esperienza personale ho constatato che un uomo è vincente per una donna in base a tre fattori, in ordine di importanza. Parlo ovviamente della media delle donne di oggi, non è il teorema di Pitagora sulla natura femminile:
1. Quanto guadagna
2. Il riconoscimento sociale (non "posizione sociale"), quasi alla pari con il n° 1
3. Le qualità umane, ovviamente la fedeltà ma anche qualità più discutibili come la disponibilità a fare quello che vuole la donna (vita sociale che vuole lei, vacanze dove dice lei, acquisti che vuole lei ecc.) e altre doti di accompagnatore, clown ("deve farmi ridere") e intrattenitore ("non mi devo annoiare")

Sul punto due ho notato che a parità di condizioni preferiscono uomini con un lavoro dipendente (o forse chi ha un lavoro dipendente è maggiormente disposto a sposarsi?) cosa che non mi so spiegare: credo perché lavorare in un'azienda venga percepito come maggiore validazione sociale.
Altra cosa che ho constatato è una netta preferenza per uomini conformisti, che dicono quel che tutti ci si aspettano che dicano. E' quantomeno curioso che le donne non considerino "vincente" l'uomo di carattere indipendente e mente creativa, per non parlare di qualità umane quali l'integrità, che non senti mai nominare dalle donne.
Anche nella conversazione l'uomo non deve mostrare (ripeto, parlo per esperienza) una cultura e degli interessi che non vadano al di là di spettacoli di intrattenimento, viaggi e musica leggera (senza contare lo shopping). Può essere laureato, ma guai se eleva la conversazione a un livello superiore a quello di una serva.
E' sintomatica la qualità dei libri che leggono (se mai lo fanno) le donne di oggi: per esempio Dostoevskij era molto letto dalle dame dell'epoca, ma se lo nomini oggi davanti a una donna non sei più vincente. Ciò spalanca abissi di domande, non solo di ordine culturale.
A roba noiosa come storia e politica meglio non accennare: l'uomo vincente è colui che rende possibile una vita fatta esclusivamente di vacanze-shopping-cucina e che si presta ad essere elemento decorativo di serate con le amiche, ostentando allegria ma senza rovinare tutto uscendo dalla banalità.
Per alcuni uomini una vita del genere è un incubo e anche (mi viene da dire soprattutto) per questo non si sposano, o se sono sposati si rifugiano spesso nel lavoro, negli hobby e negli amici

Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Il Conte di Lautréamont

Citazione di: Finnegan il  5 Dicembre 2022, 05:15:19 AM
Sul punto due ho notato che a parità di condizioni preferiscono uomini con un lavoro dipendente (o forse chi ha un lavoro dipendente è maggiormente disposto a sposarsi?) cosa che non mi so spiegare: credo perché lavorare in un'azienda venga percepito come maggiore validazione sociale.

È probabile che la preferenza sia dovuta al maggiore tempo libero che un lavoratore dipendente possiede rispetto a chi lavora in proprio. Il lavoratore dipendente ha un orario prestabilito, il posto fisso che gli procura la costanza di un reddito certo; torna a casa e fa da collaboratore domestico. I lavoratori in proprio hanno responsabilità maggiori sulle loro spalle e a guardare come se la passano tutti quelli con partita IVA, sono a rischio chiusura dell'attività. E chissà quanti di loro lavorano dalla mattina alla sera per un pugno di dollari o per scongiurare il fallimento.

Finnegan

#2
Può pesare ma non penso che lorsignore siano capaci di ragionamenti così sofisticati. Neppure conta la stabilità del posto perché le aziende licenziano anche i dirigenti. Credo sia più questione di validazione sociale, come un "badge" da esibire: se lavori anche come usciere alla Microsozz vuol dire che vali qualcosa, se lavori in proprio non è perché non volevi fare il capo magazziniere da Ammazzon, ma perché Ammazzon non ti ha preso.
Ovviamente non sono generalizzazioni, mi riferisco a gente conosciuta di persona.
Ricordo un'ingegnerA che voleva uscire con me, lavorava nel settore alimentare. Le ho chiesto se progettava macchinari industriali o cose del genere, mi ha risposto che il capo l'aveva spedita in Giappone a controllare una filiera di yoghurt. Un lavoro quasi da operaio, al massimo da supervisore di produzione.
Altro esempio: la sorella della mia ex era architettA, in un prestigioso studio. Le ho parlato di Giedion, roba da primo anno: non ci capiva assolutamente un'acca. Era brava a dipingere acquerelli, credo che il suo lavoro consistesse nel passare le chine ai progetti o disegnare le aiuole dei vialetti pedonali
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Il Conte di Lautréamont

E' una possibile spiegazione. In effetti ci sono tante donne che fanno le sguattere nei posti di lavoro. Anzichè lavorare per il marito, sgobbano per un estraneo, ma la chiamano emancipazione.

Serenissimo

Essendoci in italia la cultura del posto fisso, di conseguenza per le donne chi ha il posto fisso viene visto come un provider migliore e scala leggermente la "classifica" beta-alpha .
Da una dona a un molin no gh'è gran diferenza.

Finnegan

#5
Il posto fisso è una chimera, conosco una che lavorava alla City di Londra, dopo tanti anni è stata licenziata in tronco per un banale taglio del personale
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Serenissimo

Citazione di: Finnegan il  6 Dicembre 2022, 05:23:06 PM
Il posto fisso è una chimera, conosco una che lavorava alla City di Londra, dopo tanti anni è stata licenziata in trocco per un banale taglio del personale

Lo sta diventando,  il punto è che continua ad essere per le italiche una garanzia che ti dà almeno 1 punto in più nella LMS .
Dipende pure dall'ambito .
Da una dona a un molin no gh'è gran diferenza.

Finnegan

#7
A parte questo noto una spiccata preferenza per gli zerbini.
Un amico a Napoli, simpaticissimo e sportivo, appena fidanzato è diventato un borg, un cane ammaestrato. Un po' meglio un comune amico di Caserta, che però si è addomesticato molto.
Lo stesso vale per certe aziende, dove per far carriera devi leccare continuamente gli stivali: il capo cerca questi tipi umani, come dicono vari siti MGTOW.
Alla fine l'uomo deve solo lavorare, il resto lo decide la donna. Come ha scritto Helen Smith in Men On Strike, la donna occupa l'intera casa e all'uomo non rimane che rifugiarsi nel garage o nel basement.
Spesso rientra tardi o si chiude in camera per "lavorare" (ho concreti esempi in mente), in realtà per non vederla.
Le donne tendono sempre a idealizzare la loro situazione di coppia (v. social) immaginando che tutti vorrebbero essere al posto del pover'uomo. A nessuna viene in mente che parecchi uomini, se non tutti, sono ben lieti di stare alla larga da loro.
Tutte le volte che ho potuto constatare di persona, ho notato una netta discrepanza tra fiabe dei social e realtà.
Per esempio, una coppia aveva postato su Facebook il loro grande amore, con tanto di matrimonio stile Buckingham Palace. Erano persino andati su una TV locale a esibire la loro famiglia Mulino Bianco.
Ebbene, il marito mi ha confidato che tradiva, andava a prostitute, in coppia si odiavano ed erano anche venuti alle mani. Io stesso ho visto che si dicevano cattiverie a cena col sorriso sulle labbra.
Facebook è la nuova Disneyland dove tutti si amano, si divertono e sono felici. Ma se lo fossero davvero spegnerebbero il PC e si godrebbero l'asserita felicità insieme invece di esibirsi sui social.
Quando ero fidanzato per di più con una molto bella, mica un rospo come Mariangela Fantozzi, non sentivo l'impellenza di gridarlo al mondo postando foto di noi due mano nella mano (rischiando anche un sonoro "e chi se ne frega!")
Se hai una vita così appagante, perché passi le ore sui social?
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Risposta rapida

Attenzione: non sono stati aggiunti messaggi in questa discussione negli ultimi 120 giorni.
A meno che tu non voglia realmente rispondere, prendi in considerazione l'idea di iniziare un nuova discussione.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima