il film (nazifemminista) di Barbie

Aperto da dotar-sojat, 1 Agosto 2023, 06:14:35 AM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

dotar-sojat

abbiamo letto tutti che il film di Barbie sta sbancando il botteghino, eppure non è un film per bambine, i temi trattati sono adulti, seppur immersi nell'oceano plasticoso e immaginario di Barbieland.
Una collega è andata a vedere il film con le figlie, e quando me lo ha raccontato ho subito lanciato la battuta: "ma quindi è un film femminista"; a quanto pare avevo colto nel segno. In rete commenti e recensioni (parlo di siti di cinema, non Fb, blog di influencer o altre tifosi di Barbie) sono più o meno dello stesso tenore: film ciofeca con un messaggio sbagliato per le bambine.
Posto un commento di una utente che secondo me riassume bene il concetto del film:
"Va bene lo stesso se è una donna (non asessuata e neppure deficiente) a dire che il messaggio per le donne sia molto carico d'odio e pericoloso per entrambi i sessi?
Alla Mattel le donne in carica di vertice sono 5/10. Le presidenti d'Europa, Germania e Italia sono donne. La regista multimiliardaria del film è una donna, eppure il film si consuma a ribadire che le donne sono oppresse dalla società maschilista e che i Ken verranno trattati come esseri umani solo quando alle donne nel mondo reale verrà fatto lo stesso.
E' un film che invece di educare all'eguaglianza incita alla vendetta.
Senza contare che le Barbie usano dei metodi sporchi e subdoli per ristabilire la sottomissione dei Ken, e il film si conclude col messaggio che loro hanno fatto benissimo.
Ah, ma Barbie dice a Ken che deve starle su di dosso. Beh, allora..."

Ad ogni modo, l'unico Ken della finzione da me riconosciuto è Ken il Guerriero, e ci fosse stato lui...
Spera nel meglio, aspettati il peggio

Finnegan

#1
Divieto di caccia (sport troppo maschile) ma la caccia all'uomo è più aperta che mai.
Meno male che a Tokio hanno ancora il senso del ridicolo o avremmo un Ken transgender
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

dotar-sojat

Citazione di: Finnegan il  1 Agosto 2023, 08:54:53 AM
Divieto di caccia (sport troppo maschile) ma la caccia all'uomo è poiù aperta che mai.
Meno male che a Tokio hanno ancora il senso del ridicolo o avremmo un Ken transgender
il Ken giapponese è uno status, intoccabile
Spera nel meglio, aspettati il peggio

dotar-sojat

Spera nel meglio, aspettati il peggio

Finnegan

#4
La chiusa "posso cambiarlo" dice tutto. Ci considerano cani da ammaestrare
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Anima Zen

Appena vidi il trailer,mi gasai tanto  :clapping: credevo in un bel film al femminile,tutto pieno di confettini rosa  :wub:
Invece,come al solito.....  :dash2:

dotar-sojat

Che follia... Ma non era un film per le bambine?




Cos'è questa storia delle coppie che si lasciano dopo aver visto Barbie?
"Grazie Barbie per avermi fatto capire che merito di meglio"

Headshot of Elisabetta Moro
DI ELISABETTA MORO
PUBBLICATO: 04/08/2023
preview for I beauty look di Margot Robbie
"Oppenheimer è solo un film, Barbie è un'esperienza", scrive su Hinge l'utente Allison Panetta e, pensateci, non ha tutti i torti. Dato che Oppenheimer non è ancora uscito in Italia (arriva il 23 agosto), concentriamoci su Barbie. Un'esperienza è qualcosa che attraversi e, nel farlo, ti ritrovi cambiato. A quanto pare, per molte ragazze e donne, il film di Greta Gerwig è stato esattamente questo, al punto che, dopo la visione, alcune si stanno lasciando con i loro partner. Grazie, Barbie, per avermi dato potere", scrive una ragazza su Twitter, "per avermi dato la fiducia necessaria, per avermi fatto capire che merito di meglio".

Sui social ultimamente si stanno alternando senza tregua commenti che denigrano il film (superficiale, anti-uomini, discriminatorio, esagerato ecc) a meme, post e recensioni entusiaste. Barbie può aiutare a farci cambiare prospettiva nella misura in cui analizza le dinamiche stereotipate nei rapporti uomo-donna e perché fa luce su un certo tipo di mascolinità aggressiva parlando lucidamente della società in cui viviamo e delle disparità di genere. Tutto questo, però, provoca reazioni molto diverse, specie negli uomini. Theresa Arzate, ventisettenne di Dallas, ha raccontato su Twitter che la reazione del suo ex fidanzato al cinema è stata la spinta di cui aveva bisogno per lasciarlo. Nel vedere che non riusciva a empatizzare con lei e tendeva a sminuire le difficoltà che le donne vivono nel mondo attuale, ha capito che le loro posizioni sarebbero sempre state inconciliabili.
Su TikTok, intanto, c'è chi suggerisce di usare Barbie come test dopo i primi appuntamenti. Naturalmente ci sono ragazzi entusiasti di vestirsi di rosa, andare al cinema e ridere degli stereotipi che li riguardano senza negare o sminuire l'esistenza del patriarcato. Ma non vale per tutti, basti pensare che una ricerca del King's College di Londra ha rilevato che un terzo degli uomini intervistati sosteneva che il femminismo facesse più male che bene. "Se vai a vederlo con un ragazzo che ti dice: 'Ken non ha fatto niente di sbagliato, il patriarcato è una cosa positiva', allora devi sbarazzartene", sostiene la Tiktoker Megan Gotham,"Greta Gerwig sta cercando di salvarci tutte, attraverso Barbie!". "Penso che, se un ragazzo ha una forte reazione negativa solo all'idea di vedere il film perché troppo femminile", aggiunge Panetta parlando con l'HuffPost, "allora è una red flag".
"Barbie sembra aver toccato un nervo scoperto con uomini che si sentono minacciati dalle critiche brillanti e davvero divertenti del film al patriarcato", commenta su Metro Jennifer Maytorena Taylor, regista e professoressa all'Università della California specializzata in cinema e femminismo, "questo è un segnale di quanto la mascolinità veramente e profondamente tossica sia basata sulla fragilità maschile". La domanda, a questo punto, è una: noi siamo pronte a mettere in dubbio la nostra relazione passando una serata al cinema? Sono molti i partner e i mariti che hanno superato il test (e per fortuna), altri hanno sollevato alcune perplessità, ma sono rimasti aperti al dialogo e alla possibilità di cambiare idea. Poi c'è chi dice che nel film c'è "troppo rosa" o che Margot Robbie è brutta e lì non c'è niente da fare.
Spera nel meglio, aspettati il peggio

Finnegan

Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs


Finnegan

Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Risposta rapida

Attenzione: non sono stati aggiunti messaggi in questa discussione negli ultimi 120 giorni.
A meno che tu non voglia realmente rispondere, prendi in considerazione l'idea di iniziare un nuova discussione.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima