Censura UE operativa da venerdì

Aperto da Finnegan, 26 Agosto 2023, 07:00:00 PM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Finnegan

Ecco gli europarlamentari italiani che hanno votato a favore del #DigitalServicesAct, l'ennesima stretta alla libertà di parola partorita da quella cloaca che è la Commissione Europea.
A sostenere tale abominio non sono stati solo, ovviamente, gli ultraglobalisti del PD e del M5S (e Forza Italia, che è un PD a cui piace la figa) ma anche i cosiddetti "patrioti" di Fratelli d'Italia.
Ecco la falsa dicotomia in tutto il suo splendore.
E intanto il Vecchio Continente scivola sempre più nel totalitarismo, tra scroscianti applausi.



i contenuti dei social media verranno sistematicamente controllati e, se necessario, censurati, e i gruppi mediatici dovranno affrontare sanzioni severe.

entra in vigore nell'UE il "Digital Services Act". La Commissione UE vuole agire contro i messaggi e le opinioni cosiddetti "illegali" nei social network.

Tali messaggi "illegali" vengono definiti, ad esempio, "incitamento all'odio" o "disinformazione". I funzionari dell'UE decidono cosa è "illegale" e deve essere cancellato.

Se aziende come Meta o X non si adeguano, possono essere previste sanzioni significative, pari fino al 6% delle vendite annuali.

L'intuizione di Tichy scrive sulla nuova legge:



Breton (il commissario europeo responsabile, ndr) ha dichiarato in un'intervista al canale di notizie francese France Info che la Commissione europea potrebbe limitare l'accesso ai social network come TikTok, Twitter, Facebook, Instagram, YouTube e Snapchat sulla base di questa nuova completamente bloccato dalla legge sulla censura. Ciò potrebbe accadere se gli operatori non prendessero provvedimenti contro i contenuti illegali in caso di disordini sociali – e in caso di dubbio l'UE stabilisca cosa è illegale.

"Avremmo squadre che potrebbero intervenire immediatamente", ha continuato il francese. "Se i responsabili non agiscono immediatamente, potremmo non solo imporre una multa, ma anche vietare l'esercizio delle piattaforme sul nostro territorio." In linea di principio, la commissione effettuerà una supervisione centrale per evitare il cosiddetto arretrato di applicazione nei singoli paesi.

Tuttavia, non ha ancora dichiarato la sua legittimità democratica. La ricetta disperata dell'Ue e dei bretoni: mettere a tacere i cittadini. Ma nell'era delle VPN e dei server proxy, uno sforzo inutile. Una nuova Commissione avrà molto da pulire.



La dpa descrive in sintesi il tipo e il contenuto della legge sulla censura come segue:

La situazione sta diventando scomoda per i giganti della tecnologia nell'UE? Secondo una nuova legge, Facebook, Google e molti altri dovranno adottare misure più severe contro i contenuti illegali su Internet, altrimenti rischiano pesanti multe. Da questo venerdì la legge è legalmente applicabile. Cosa cambia nello specifico:

Cos'è tutto questo?

L'anno scorso l'UE ha approvato una legge sui servizi digitali. Lo scopo è garantire che le piattaforme e i motori di ricerca rimuovano i contenuti illegali dai loro siti più velocemente di prima. A sua volta, sarà più semplice per gli utenti segnalare tali contenuti. In sostanza, i servizi grandi devono seguire più regole rispetto a quelli piccoli.

Quali aziende sono interessate?

Ad essere colpite sono innanzitutto le piattaforme molto grandi e i motori di ricerca con più di 45 milioni di utenti attivi al mese. Per loro si applicano requisiti più severi rispetto alle aziende più piccole. Perché dal punto di vista dell'UE rappresentano un rischio particolarmente grave per la società.

Ad aprile, l'Unione Europea ha classificato 19 aziende come "piattaforme online molto grandi" e "motori di ricerca online molto grandi". Tra questi figurano X (ex Twitter), Facebook, Instagram, Tiktok e diversi servizi Google, ma anche Zalando, Wikipedia, Booking.com, il Marketplace di Amazon e l'App Store di Apple. Ora avevano quattro mesi per attuare i requisiti dell'UE.

Cosa sta cambiando esattamente?

In futuro i termini e le condizioni dovranno essere formulati in modo tale che ogni bambino possa capirli, afferma un funzionario dell'UE. I mercati online come Amazon o Alibaba AliExpress dovrebbero, ad esempio, rimuovere il più possibile le offerte di abbigliamento contraffatto o giocattoli pericolosi e avvisare di conseguenza gli acquirenti.

Le piattaforme e i motori di ricerca non solo dovranno eliminare i post illegali più rapidamente di prima, ma in futuro forniranno anche alla Commissione europea un rapporto dettagliato sui rischi per i cittadini europei. Snapchat o YouTube, ad esempio, devono verificare se la loro offerta promuove la violenza informatica, mina la libertà di espressione o se il loro algoritmo ha un impatto negativo sulla psiche umana. Le aziende dovranno poi adottare misure adeguate.

E la pubblicità?

Sono vietati anche gli annunci mirati se basati su dati sensibili come la religione o le convinzioni politiche. I dati personali di bambini e adolescenti non possono più essere raccolti per scopi pubblicitari. Inoltre, la segretezza delle piattaforme dovrebbe essere limitata: in futuro dovranno rivelare più informazioni sul loro funzionamento. Secondo un funzionario dell'UE, molti dei cambiamenti non saranno immediatamente visibili ai consumatori, ma avverranno in background. Tuttavia, l'effetto a lungo termine non deve essere sottovalutato.

Cosa dicono le multinazionali?

Meta, con i suoi flagship Facebook e Instagram, ha messo insieme un team di 1.000 dipendenti solo per lavorare al Digital Services Act (DSA). Google ha promesso maggiore trasparenza, anche nelle linee guida e con informazioni aggiuntive su come rivolgersi ai singoli gruppi target nella pubblicità. Dovrebbero esserci anche nuovi strumenti per consentire ai ricercatori di accedere ai dati.

Alcune settimane fa, Tiktok ha annunciato che avrebbe introdotto un algoritmo alternativo, meno personalizzato per gli utenti dell'UE e avrebbe garantito maggiore trasparenza per quanto riguarda gli annunci pubblicitari sulla piattaforma.

Ma non tutti i giganti della tecnologia sono disposti ad accettare semplicemente le regole. Amazon e Zalando hanno già intentato causa. Si vedono erroneamente classificati come "piattaforme online molto grandi" e sostengono che le regole non dovrebbero applicarsi a loro in quanto commercianti. Potrebbero seguire altre cause legali.

Come va da qui?

Se le aziende non rispettano i requisiti, rischiano una multa fino al 6% delle vendite annuali globali. Giovedì il commissario UE responsabile Thierry Breton ha sottolineato: "Il rispetto della DSA non è una punizione, ma un'opportunità per le piattaforme di rafforzare la propria affidabilità". Da febbraio 2024 le norme si applicheranno anche alle imprese digitali più piccole.

https://www.maurizioblondet.it/eccogli-italiani-che-hanno-votato-per-la-censura-ue/
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Il Conte di Lautréamont

Alla fine ci tocca fare il tifo per Amazon. Comunque un mondo fatto così non può durare a lungo. Presto i nodi verranno al pettine.

Finnegan

Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Risposta rapida

Attenzione: non sono stati aggiunti messaggi in questa discussione negli ultimi 120 giorni.
A meno che tu non voglia realmente rispondere, prendi in considerazione l'idea di iniziare un nuova discussione.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima