Nuova definizione di maschio alfa da parte di una donna

Aperto da Il Conte di Lautréamont, 24 Ottobre 2023, 03:11:38 AM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Il Conte di Lautréamont

Se pensate di averle lette di tutti i colori vi sbagliate di grosso. Questa perla di... ( aggiungete voi il sostantivo più pertinente ) è stata proferita da una utente donna intervenuta nel blog del Redpillatore. La definizione di maschio alfa è così riassumibile:

"L'uomo alfa è colui che domina gli altri uomini all'esterno, ma accetta il ruolo biologico di farsi dominare dalla donna nel rapporto di coppia, mentre il beta è quello che inverte questo ruolo naturale e pretende di dominare la donna nella vita di coppia, mentre non riesce ad emergere all'esterno nella vita sociale con i suoi simili." In un thread di 150 post nessuno ha obiettato la definizione nonostante che la descrizione didascalica di tale fantomatico individuo viola evidenze scientifiche di carattere antropologico.
Per farla in breve, poiché il tema è assai complesso, cito lo studio di Jacques T. Godbout su "Lo spirito del dono" del 2002 per focalizzare l'attenzione su due punti cruciali:
1) In un sano rapporto di coppia non dovrebbe esistere la dominanza di un qualunque soggetto ( maschio/femmina ) sulla controparte, ma la reciprocità basata sullo scambio di "doni" non sempre riconducibili a oggetti o prestazioni, ma soprattutto in libertà comportamentali che vengono reciprocamente concesse all'interno della famiglia in modo da permettere lo sviluppo psicologico dei suoi componenti. Tralascio ogni osservazione di carattare psicologico con cui invece l'altra branca degli studi sociali bollerebbe tale relazione basata sulla "dominanza" come malata e destinata a fallire.
2) Anche negli ambienti più competitivi il rapporto tra colleghi di lavoro continua a basarsi sulla cooperazione e quindi su atteggiamenti incentrati sulla reciprocità tra soggetti che condividono lo stesso status. Quindi ci si chiederebbe in quale misura un maschio alfa sarebbe in grado di dominare gli altri al di fuori del rapporto di coppia. Che forse nella cerchia degli amici si erge a figura di capo branco? In tal caso il maschio alfa che ha in mente questa femminista è un bullo di quartiere. Se esaminiamo il mondo del lavoro, la competitività è deleteria all'interno dell'azienda e porta sempre a un continuo ricambio del personale, tra chi lascia per trovare ambienti più consoni alle sue aspettative e chi viene brutalmente licenziato. La competizione dovrebbe esistere almeno teoricamente tra aziende fra di loro concorrenti. Un'azienda si basa sul lavoro di gruppo e il lavoro di gruppo sulla collaborazione in cui ogni singolo soggetto ha un ruolo importante. Il gestore del gruppo non è un "dominante", anzi è l'esatto contrario. Le doti del leader sono quelle dell'empatia, della generosità, un primus inter pares che si fa portavoce dei problemi e delle soluzioni del gruppo...che gli studi sociali attraverso indagini empiriche ha fissato nel numero biblico di 8 individui. La dominanza sarebbe tale se il gruppo lavorasse in funzione del leader, ma non è così. Il leader coordina il lavoro del gruppo il quale lavora per se stesso, per raggiungere i suoi obiettivi, non quelli del leader e che in ogni caso sarebbero comunque obiettivi aziendali. Anche la famiglia è un gruppo sociale: padre, madre e figli. Dire che la donna nel rapporto di coppia deve dominare sull'uomo, vuol dire che la famiglia si riduce alla sola donna, ovvero è la negazione stessa dell'idea di famiglia e del suo ruolo sociale. Lo scopo della famiglia femminista consiste non nel prendersi carico delle esigenze dei suoi componenti, ma solo degli interessi della donna. La definizione di maschio alfa dettata da questa femminista ha gettato la maschera al femminismo stesso che andrebbe definito come una corrente asociale, di stampo darwinista, che ha l'obiettivo di tagliare le relazioni sociali tra uomini, donne e figli al di dentro e al di fuori dell'istituto famigliare.



Finnegan

#1
CitazioneL'uomo alfa è colui che domina gli altri uomini all'esterno, ma accetta il ruolo biologico di farsi dominare dalla donna nel rapporto di coppia
Nella seconda parte non si è sbagliata: abituate come sono ai cani, vanno in fregola per l'alfa ma finiscono per prendersi uno zerbino (cattiva imitazione del cane che rimane il non plus ultra).
In azienda DOVREBBE essere come dici ma è l'esatto opposto, il dipendente si betaizza altrimenti lo licenziano, dice MGTOW Italia.
Lo scrittore Laurent Obertone ha detto che il modello umano di oggi è il cagnolino: obbediente, amichevole, servizievole. Non esiste altro modello maschile, la virilità (meglio la sua caricatura) è riservata ai romanzi criminali
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Il Conte di Lautréamont

Per me la seconda parte è semplicemente delirio allo stato puro. In un rapporto di coppia non ci deve essere nessuno che deve prevalere sull'altro: si chiama rispetto. E le coppie che durano sono quelle che realizzano un rapporto basato sulla reciprocità e non quelle che cercano di replicare nella famiglia il modello di sfruttamento della società post-industriale.

Finnegan

Sempre in riferimento alla realtà di oggi, non parlerei tanto di prevalenza (che presume una competizione) ma di uomini che non hanno alcun ideale e obiettivo se non un piatto sulla tavola e il letto caldo
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Il Conte di Lautréamont

Citazione di: Finnegan il 24 Ottobre 2023, 11:37:30 AMSempre in riferimento alla realtà di oggi, non parlerei tanto di prevalenza (che presume una competizione) ma di uomini che non hanno alcun ideale e obiettivo se non un piatto sulla tavola e il letto caldo
Ma se questi sono gli uomini di oggi è naturale che le mogli se ne approfittano. Non hanno un briciolo di personalità.

Finnegan

Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

dotar-sojat

#6
Purtroppo l'uomo medio/beta "subisce" perché è terrorizzato dal rimanere solo, perché la donna non appena si molla (ma anche prima) ha già lo stuolo di zerbini pronti a subentrare (ah! la solidarietà maschile!) mentre l'uomo beta può solo trovarne una peggiore.
Spera nel meglio, aspettati il peggio

Finnegan

E' lo stesso uomo che riesce a sopportare quel tipo di donne (almeno per un po'). Per questo dico che oggi si sposano gli zombie, gli altri non le reggono
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Risposta rapida

Attenzione: non sono stati aggiunti messaggi in questa discussione negli ultimi 120 giorni.
A meno che tu non voglia realmente rispondere, prendi in considerazione l'idea di iniziare un nuova discussione.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima