La presa per i fondelli dei sessuologi sulle dimensioni

Aperto da Junio2, 13 Maggio 2024, 10:00:50 PM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 6 Visitatori stanno visualizzando questa discussione.

Finnegan

#20
Per favore accedi come utente o mi tocca approvare ogni post. Grazie
Devi inserire il nome utente Junio2 corretto da un browser senza cookie o cache (svuotali o vai in incognito) con maiusc. e min. esatte e la pass [rimossa], funziona. Dopo cambia la pw
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Il Conte di Lautréamont

A questo punto vorrei far convergere l'attenzione su alcuni dati statistici dell'importantissimo studio Indagine conoscitiva sulla violenza verso il maschile di Macrì et Alii in Rivista di Criminologia, Vittimologia e Sicurezza – Vol. VI – N. 3 – Settembre-Dicembre 2012 30.

B2 - è  capitato  che  una  donna  ti  abbia  disprezzato o deriso  per  un  tuo  difetto  sessuale,  o  perché insoddisfatta di una tua prestazione? Risposta affermativa nel 30,5% degli intervistati.
B3 - è capitato che una donna ti abbia paragonato ad altri in quanto a prestazioni o caratteristiche sessuali, irridendoti? Rispostata affermativa nel 20,1% degli intervistati.

Cosa si deduce da ciò? Che vengono sfatati due miti che sono il cavallo di battaglia del "diversamente sagace" ovvero che 1) le donne non sono attratte dal sesso e 2) che le donne non sono attratte dalla dimensione dei genitali maschili. Certamente le due domande aggregano le due tipologie di violenza, quella verso la prestazione e quella contro le caratteristiche virili del partner ( che io ho sottolineato ), cosa che invece doveva essere tenuta separata.

Se io insisto sull'importanza che le donne attribuiscono alle dimensioni è solo perché ciò è dovuto all'importanza che loro attribuiscono all'atto sessuale... che non è solo ricerca del piacere, ma soprattutto ricerca del partner che abbia le caratteristiche più idonee a riprodursi, ovvero colui che è più virile, come garanzia atavica di fertilità.
Fra l'altro nella parte finale la dichiarazione in B13 dà una mazzata micidiale ai sostenitori della visione angelicata della donna dove solo il 2,2% degli uomini intervistati dichiara di non aver mai subito una violenza sessuale ( psicologica o fisica ) da parte di una donna.
Ma ovviamente la vulgata del "diversamente sagace" è che alle donne non piace fare sesso, salvo poi riscontrare che c'è un 97,8% di uomini che si lamenta di ricevere violenze sessuali di vario tipo. Evidentemente il "diversamente sagace" non solo non conosce l'esistenza di Dio, ma persino quella della metà delle sue creature: le donne.






Il Conte di Lautréamont

A completamento dell'informazione precedente la proiezione dei risultati relativi alla violenza sessuale del campione dei partecipanti sul totale della popolazione maschile dà una stima delle vittime a 3.883.000 uomini ( pag.42 ). Mi raccomando, continuiamo la solita solfa che alle donne non piace fare sesso.

Finnegan

Alle donne piace fare sesso, ma l'90%+ degli uomini non se ne accorgono. Le dimensioni, come detto, sono tutte più o meno uguali tranne nei film di Siffredi
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Il Conte di Lautréamont

Non so se le percentuali sono queste, ma di sicuro con la categoria "Chad" farebbero tutte le filmografie di Rocco Siffredi. A proposito, ce l'hai presente il successo di "50 sfumature di grigio"? La realtà è che la sessualità è mossa dal desiderio, il desiderio è attivato dal sex appeal, il sex appeal scaturisce da un mix esplosivo di animalità e/o atteggiamenti delinquenzali.

Finnegan

Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Il Conte di Lautréamont

Non se ne parla perché devono nascondere la polvere sotto il tappeto. Comunque intanto sulla CNN hanno divulgato il seguente studio elaborato dai ricercatori dell'Indiana University and Sweden's Karolinska Institute:

Peter Ueda and Alii Trends in Frequency of Sexual Activity and Number of Sexual Partners Among Adults Aged 18 to 44 Years in the US, 2000-2018

Risultati della ricerca su un campione di 4372 uomini e 5377 donne:

Confronto tra il biennio 2000-2002 e il biennio 2016-2018.

UOMINI L'inattività sessuale degli uomini era passata dal 18,9% al 30,9% ( nella fascia 18-24 anni) e dal 7% al 14% ( tra i 25 e i 34 anni);
DONNE l'inattività sessuale era passata dal 15,1% al 19,1% ( tra i 18-24 anni di età ) e dal 7% al 12,6% ( tra i 25 e i 34 anni ).

Tralasciamo i dati che riguardano le persone sposate o in uno stato di convivenza, per le quali comunque si confermava un trend di diminuzione dell'attività sessuale, almeno negli States di questi problemi se ne parla. Quasi impossibile trovare persino studi degni di nota per la situazione italiana. Da notare che le donne fanno registrare decrementi minori dell'attività sessuale, ovvero sono sempre quelle che si divertono di più, ma per la vulgata ufficiale alle donne non piace il sesso.




Finnegan

E' un mito duro da sfatare. D'altra parte cisono donne che apparentemente non hanno attività sessuale perché hanno pretese troppo elevate
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Il Conte di Lautréamont

Un'altra perla del thread di QM Le italiane che non conoscete:

"Se le donne hanno la stessa voglia di fare sesso come gli uomini, come mai ci sono uomini che non hanno mai fatto sesso?" La risposta è molto semplice, le donne fanno sesso solo con una parte degli uomini, solo quella che loro ritengono idonea alla riproduzione ( leggasi alti valori di LMS ), gli altri stanno a guardare. Per chi ancora non lo ha capito prendo 9 Incel del forum di Normanno e ci metto un mio ex-collega che quando l'ho conosciuto sosteneva di aver timbrato e vidimato 58 ragazze e quando si è licenziato dopo due anni era arrivato a quota 65. Per la matematica di Femministat gli Incel non esistono e il numero medio dei partner avuti è di 6,5 per il maschio italiano. A questo punto suona l'inno di Mameli. Lo vogliamo capire una volta per tutte come per esempio in America ci sono tra i giovani di 18-24 anni un bel 30,9% di ragazzi che non hanno rapporti sessuali, ma le scienze statistiche sono convinte che i maschi millenials tengono una media di 8 partner?!!!
Tutta questa società sa di topaia Universo 25 alla fine della civiltà.

Il Conte di Lautréamont

Ora ti sfato il mito che le dimensioni non contano per le donne. Ho purtroppo il dato del 2018 in cui in Italia si sono effettuati 52.600 interventi di chirurgia plastica per l'ingrandimento del seno, il 9% in più all'anno 2016 ( Fonte: AICPE ). Ora se per le donne è importante la dimensione del seno ( ma bisogna anche tenere presente gli interventi di ingrandimento dei glutei e la filloplastica delle labbra dei quali però non riesco a reperire i dati ) mi devi spiegare per quale motivo non devono ritenere importante la dimensione dei genitali maschili, come se nella matematica del sesso 12=15=18=qualsiasi altro numero. In realtà non si può fare a meno di notare che la nuova ontogenesi della donna, volta a darle un  look femminista 3.0, non faccia altro che ripetere la filogenesi evolutiva evidenziata da Desmond Morris. Queste operazioni chirurghiche non hanno nulla a che fare con il concetto di bellezza, ma con quello di (maggiore) potere attrattivo sessuale da esercitare in un regime di competizione con le altre donne, visto che la fascia di uomini ritenuti attraenti si sta riducendo per motivi economici. Infatti l'effetto della crisi è quello di reprimere gli stipendi e di tagliare i posti di lavoro che ancora godono di un certo status ( Money e Status in caduta libera ). Un seno molto grande comunica una maggiore capacità di allattamento per la prole; glutei e fianchi più grandi significano una maggiore capacità di procreazione e minore complicanze nel momento del parto; le labbra del viso più grandi riproducono le altre "grandi labbra" che stanno più in basso. Tutto questo dovrebbe far riflettere su cosa sia il femminismo: liberazione della donna dallo stato di cultura, soprattutto dalle regole sociali e quelle della religione, per consegnare un mostro biologico che obbidisce esclusivamente alle leggi della natura. Praticamente Darwinismo puro.

Archives of Sexual Behavior, Vol. 35, No. 1, February 2006, pp. 5–6
La domanda che fanno i ricercatori è How (Un)Important Is Penis Size for Women with Heterosexual Experience? La risposta data dal campione di donne croate (fascia di età 18-27 anni) che ha partecipato al sondaggio è stata MOLTO IMPORTANTE per il 25,4% delle intervistate, ovvero 1 su 4, un numero da non sottovalutare. È solo l'inizio e chissà che risultati avrebbero dato oggi. Aspetta comunque altri 20 anni che il porno e propagande varie completi la distruzione di ciò che è rimasto della civiltà e vedrai che percentuali!

Risposta rapida

Nota: questo messaggio verrà visualizzato solamente dopo essere stato approvato da un moderatore.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Digita le lettere visualizzate nell'immagine
Ascolta le lettere visualizzate / Carica una nuova immagine

Digita le lettere visualizzate nell'immagine:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima