Vaticano e il governo cinese hanno stipulato un accordo storico dite la vostra

Aperto da johann, 24 Settembre 2018, 10:42:04 AM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

johann





C'e'  un sottile "filo rosso" che corre sottotraccia attraverso la trama della storia  e che connette la "testa" di moltissime persone
Non si parla della militanza esplicita nei partiti politici di sinistra (cosa del tutto legittima e normale) ma a quel consorzio umano molto più allargato, non necessariamente costituito dai militanti tesserati e non necessariamente sovrapponibile alle percentuali elettorali in servizio permanente effettivo, che vede i suoi membri accomunati da un'idea talmente astratta e mitizzata della sinistra da collocarla nell'olimpo delle verità rivelate, ovviamente tutto ciò che ne discende non può che essere cosa buona e giusta
Tutta questa gente e parte di una specie di famiglia "allargata  un  sodalizio collettivo che professa direttamente o indirettamente la  "fede" nella "CAUSA , e che in essa e per essa si riconoscono a vicenda  (gente comune politici sindacalisti magistrati  medici letterati insegnanti  preti imprenditori faccendieri banchieri e altra umanità assortita)
una specie "catalizzatore" politico capace tutte le volte che dall'alto viene suonata l'adunata contro i nemici di turno ( cattolici tradizionali destra  populisti  outsider trump vari ecc)
di creare una opposizione trasversale al quadro politico e nel corpo sociale molto più ampia dei soli riferimenti dati dalle appartenenze partitiche, pensiamo ad esempio a personaggi "ufficialmente" di destra come la gelmini la brambilla la bongiorno ecc come sono "aperte" rispetto ai "mantra" di sinistra: gender, lbgt, omosessualita, aborto, eutanasia, femminismo ecc.ecc    
Non importa se nel pantheon  o nell'album di famiglia ci siano stati personaggi e vicende storiche che hanno sfregiato la storia con  "record" in negativo nel campo della barbarie e della disumanità più efferata
Non importa se molti si sono scelte professioni o vocazioni la cui osservanza coerente (deontologia professionale) stride non poco con l'osservanza o la connivenza a sua volta coerente con tale "credo " (magistratura giornalismo, insegnanti, religiosi)


Questo campanilismo "dovuto" e come un volano sotto vuoto che produce nel suo moto inerziale una cifra di   assenso fine a se stesso ,  quasi del tutto scollegato da ogni "propulsione" ideale (tipico degli elettori di sinistra)  Un serbatoio diffuso di "consenso preconfezionato" molto  comodo per far camminare il  riformismo progressista schizofrenico e compulsivo (diritti diritti ) auto alimentato dalla febbre irrazionale del cambiamento sul cambiamento a prescindere  assieme a una  vasta operazione di mistificazione nella narrazione della realtà oggettiva corrente e soprattutto di quella STORICA da parte di tutti i media a loro asseverati


Ormai non ci si bada più, anzi i demagoghi del pensiero unico progressista confidano proprio nell'oblio dato dal passare delle generazioni  e dal consenso acritico delle masse di cui sopra  per far passare come "ufficiale" delle vergognose "asimmetrie" nella narrazione della storia con altrettante vergognose omissioni
il tutto per curare il marketing della propria immagine presso l'opinione pubblica mondiale, e per quanto sembri rivoltante la cosa pare proprio FUNZIONARE


pochi esempi per dare l'idea
-Il tema dei crimini contro l'umanità nel secolo 900 la cui denuncia a senso unico (fascisti nazisti la shoa ecc.)  ormai rasenta  l'insulto anche al solo senso della decenza,  dimenticano  (per far dimenticare) tutto quello che in quello stesso lasso di tempo succedeva a  EST in nome del comunismo e le cui "performance"  hanno superato ogni limite immaginabile (negli anni 30 in ucraina, e successivamente nella cina di mao per le carestie indotte dalle politiche comuniste c'era il CANNIBALISMO diffuso, e poi l'arcipelago gulag  il genocidio cambogiano ecc ecc ) 


-La 2da guerra mondiale con la puntuale omissione di ricordare che a cominciarla spartendosi la Polonia furono i nazisti ALLEATI ai comunisti e che per la loro parte dell'accordo ribbentrop-molotov , i comunisti  invasero pure  l'estonia  la lituania e la lettonia e attaccarono la finlandia


-Tutto il periodo 68ino dove la vulgata di regime vorrebbe convincerci di una generazione intera che spaccando tutto rigettava la societa "borghese" e guardando a est bramava il paradiso socialista
mentre  grossomodo negli stessi anni (e lo si sapeva!)  una generazione di coetanei  in polonia ungheria e in  Cecoslovacchia  anelando alle libertà' occidentali veniva schiacciata senza pietà dai cingoli  sovietici   


-l'imperialismo declinato SOLO nella variante statunitense "dimenticando" quello sovietico


-la storia del nostro paese vede anche qui passare omissioni "stranamente" a senso unico 
il dopoguerra vede la beatificazione laica del fenomeno partigiano  assunto a simbolo del riscatto popolare contro la dittatura fascista e fin qui niente di male, quello che ripugna e la sostanziale "intestazione" del fenomeno partigiano da parte della frangia comunista  che in questo ammantata di un'aura di immunità sacrale  e riuscita a coprire tutte le sue porcherie criminali  inflitte in specie modo al  nord d'Italia in nome della prospettiva  rivoluzionaria marxista  e non certo della democrazia parlamentare 


-via via più vicino ai tempi nostri con la mattanza politica di tangentopoli dei primi anni 90 e la "strana" dispensa che da questa  "resa dei conti" generale fu fatta per il pci o come si faceva chiamare allora


-altro .....


Per quanti sbrigativamente accomunano tutto questo a un certo fideismo religioso dai connotati  fondamentalisti   (magari per esorcizzare nella colpa equamente distribuita anche le proprie responsabilità   dico che c'e' una differenza sostanziale da tenere in conto, la fede nell'umanesimo cristiano e'la libertà di credere nella sua proposta di vita tutta protesa a nobilitare la condizione umana in questo mondo e non a degradarla,  e le cui  istanze si sono SEMPRE indirizzate alla cura dello spirito dell'uomo da cui procede la sua stessa dignità questo per inciso e ben scisso e separato dal potere temporale e secolare anche quando quest'ultimo ha voluto rifarsi ai principi cristiani, questo non e mai andato oltre un mero formalismo opportunista, nell'ipocrisia (questa si solo umana) di acquisire alla propria brama terrena anche  il beneplacito divino!!


Il subdolo pressing indiretto sinistroide ha coinvolto anche la chiesa cattolica, proprio negli anni 60  nei quali l'imprudente giovanni XXIII volle il concilio vaticano II 
ricordiamo che il concilio aveva all'ordine del giorno anche la condanna esplicita e senza appello del comunismo ma  proprio per questa "immoral suasion" di cui sopra non solo la cosa non e stata fatta ma ne ha subito da questo ogni possibile condizionamento
Era nata la chiesa di sinistra,  e tralasciando tutto quello che ne segui (teologia della liberazione) certe logiche faziose e pregiudiziali proprie della vile politica si insediarono anche dentro alla chiesa nel clero e tra i  fedeli


bergoglio &c non hanno mai fatto mistero di essere "figli" della teologia della liberazione
Non e difficile cogliere una certa indulgenza per le chiese latino americane dove gli slittamenti marxisti del clero seguendo la teologia di gutierrez  sono stati molti  gravi e diffusi  e dove a consuntivo del loro fallimento ancora adesso non si ha il coraggio di "presentare il conto" anche solo ribadendo in modo risolutivo il dogma in merito che lo stesso benedetto XVI aveva già' detto e scritto in più occasioni


Tutto il panorama dittatoriale rimasto oggi nel pianeta e quasi tutto all'insegna della falce e martello, quindi nel trattare la questione cinese (leggi sotto) era più che giusto essere intransigenti e inflessibili nelle proprie posizioni   
con il comunismo non si tratta   perché come insegna la triste parabola degli illusi cattolici "adulti" italiani con il comunismo/progressismo non esiste una "contaminazione" reciproca, esso e quello di sempre abituato a fagocitare e assorbire tutto rimanendo sempre uguale a se stesso ,
ma purtroppo  o forse inevitabilmente nel papa e venuta a galla proprio quella mentalità che ho provato a descrivere sopra  e che gli ha "suggerito" il fatale compromesso,  perché  (e bergoglio non se ne rende conto)  il compromesso in queste situazioni storiche e fatale per il precedente che stabilisce
purtroppo la storia insegna che e molto più difficile riparare i guasti cagionati dai compromessi che quelli provocati dagli errori,  In ogni caso per me e penso per tanti altri  cattolici "veraci" non e certo finita qui


SVENDUTI AL COMUNISMO


L'ALLARME
1'allarme giunse lo scorso gennaio 2018:
I'agenzia Asia news  riferi di un "prelato straniero" del Vaticano, che avrebbe obbligato il Vescovo legittimo di Shantou,  mons. Zhuang Jianjian, approvato dalla Santa sede nel 2006, a recarsi a Pechino, per sentirsi ingiungere di farsi  "da parte e lasciare la sua Cattedra al vescovo illegittimo, Giuseppe Huang Bingzhang, ordinato sette anni fa dal potere comunista senza mandato pontificio e prontamente scomunicato. Il pressante invito gli sarebbe stato ripetuto tanto a ottobre quanto a dicembre . Allo stesso modo, rnons. Giuseppe Xijin, Vescovo legittimo di Mindong, era indicato quale ausiliare del vescovo illegittimo vincenzo Zhan Silu.
Una notizia dirompente, in grado di rendere nel tempo autocefala la Chiesa cinese rispetto a Roma e di consegnarla totalmente nelle mani del Partito comunista cinese
LA CONFERMA
Ma la conferma e giunta, autorevolissima, di li a poco, da parte del card.Joseph Zen, Vescovo emerito di Hong Kong, che, in una propria nota sul suo blog, ha ribadito tutto.
Della questione mons. Savio Hon Taifai informo papa Francesco già lo scorso ottobre: "Il 8mto Padre era sorpreso e promise che avrebbe studiato il caso". Lo scorso 10 gennaio, il card. Zen venne ricevuto in udienza privata dal Papa. Il quale lo assicuro d'aver detto ai suoi collaboratori "di non creare un altro caso Mindszenty").
(Il card Josef Mindszenty, arcivescovo di Budapest, primate di Ungheria sotto la persecuzione comunista, dopo anni di prigionia venne liberato durante la breve insurrezione del 1956 e trovo 'rifugio presso 1'ambasciata americarna  sotto la pressione del governo, ungherese la Santa Sede gli ordino di lasciare il Paese e nomino un suo successore, "gradito" al governo comunista.
"Riconosco di essere pessimista riguardo alla presente situazione della Chiesa in Cina - ha commentato il card. Zen - ma il mio pessimismo e basato sulla mia lunga e diretta esperienza > della "shiavitu  e dell'umiliazione  a cui i nostri fratelli Vescovi sono soggetti".
Con la proposta "unificazione" della comunità cattolica "sommersa" fedele a Roma, e di quella ufficiale, fedele al partito comunista, "il vaticano darebbe la benedizione  a una nuova e più forte Chiesa scismatica
Ci può essere quacosa di "comune" con un regime totalitario? Si sta forse sverdendo la Chiesa cattolica in Cina? Si decisamente".
IL PAPA SAPEVA. ANZI NO...
Del resto, che il Papa sapesse, e stato formalmente dichiarato lo scorso 30 gennaio dal direttore della Sala Stampa vaticana, Greg burke: <il Papa e in costante contatto con i suoi collaboratori in particolare della Segreteria di Stato, sulle questioni  cinesi  e viene da loro informato in maniera fedele e particolareggiata' sulla situazione della Chiesa cattolica in Cina e sui passi del dialogo in corso tra la Santa Sede e la Repubblica Popolare Cinese che egli accompagna con speciale sollecitudine -
ha dichiarato -. Desta sorpresa e rammarico pertanto che si affermi il contrario da parte di persone di Chiesa e che si alimentino cosi  confusione e polemiche
Parole, queste, che hanno amareggiato il card. Zen: "Questa dichiarazione ha detto tre cose:
1) esplicitamente: il papa sapeva che cosa essi stessero facendo;
2)  implicitamente: il papa era d'accordo con quanto essi facevano;
3) Sarebbero state le mie parole a provocare confusione e polemiche!!
Dopo qualche giorno, all'inizio di febbraio giunse un'ulteriore conferma dal Segretario di Stato vaticano, il card. Pietro Parolin:
in Cina la Santa Sede e risoluta nel giungere a patti con la dittatura comunista.
Lo ha dichiarato nel corso di un'intervista, durante la quale ha negato che nel Paese vi siano "due chiese", quasi ponendo sullo stesso piano quella cattolica o "sotterranea  finora vissuta nelle catacombe, e l'Associazione Patriottica, totalmente sganciata da Roma e guidata da Vescovi eretici e scomunicati.
Secondo lui, si tratterebbe, in realtà  di "due comunità i fedeli chiamate a compiere un percorso progressivo di conciliazione verso l'unita' ??!!
Tanto per chiarire la situazione per benedetto XVI e i suoi predecessori : forte critica alla volontà di attuare i  principi di indipendenza  e autonomia  autogestione e amministrazione democratica della Chiesa cinese poiché  ciò "e inconciliabile con la dottrina cattolica che fin dagli antichi Simboli di fede professa la Chiesa cattolica "una, santa, cattolica, e apostolica"".
Per il card. Pietro Parolin, ciò corrisponderebbe  a "trovare soluzioni pastorali realistiche"
LACRIME DI COCCODRILLO
Il card. Zen, si e sentito in dovere di  intervenire avendo 1'impressione, ha scritto, "che fra poco tempo non potrò più parlare". Ed il suo e un giudizio durissimo sul card. Parolin:
Ma quest'uomo di poca fede capisce che cos'è una vera sofferenza ? i fratelli e le sorelle del continente cinese non hanno paura di essere  ridotti in povertà , di essere messi in prigione di versare il sangue  la loro sofferenza maggiore e di essere traditi dai 'familiari"".
Ed, ha proseguito, quel che vediamo e che il  card. Parolin  adora la diplomazia  dell'OSTPOLITIK  del suo maestro Casaroli e disprezza la genuina fede di coloro che con fermezza difiendono la Chiesa fondata da gesu  da ogni ingerenza del potere secolare".
Definisce la sua compassione verso le condizioni dei cattolici cinesi come lacrime di coccodrillo
E prosegue dicendo che il vaticano ha soffocato il dialogo all'interno della chiesa
REAZIONE CINESE
Quasi contemporaneamente all'uscita dell'intervista del card. Parolin, il regime cinese ha posto subito in atto misure che han dimostrato al mondo intero come, in questa strana "trattativa", a cedere non sia certo il partito comunista cinese.
Oltre ai vari Vescovi e sacerdoti ancora incarcerati, torturati e rapiti, coi nuovi regolamenti per le attività religiose, entrati in vigore lo scorso primo febbraio, la dittatura ha assolutamente proibito ai fedeli di frequentare le Messe dei sacerdoti "clandestini" di Shanghai (quelli regolarmente ordinati dalla santa sede), pena 1'arresto.
Ha impedito ai giovani cattolici qualsiasi ritiro o raduno religioso privato nelle scuole, nelle università  persino nelle parrocchie per quanto riguarda la chiesa "ufficiale" oltre a multe, arresti ed espropri per chi faccia parte, invece,di quella non ufficiale le S. Messe di quest'ultimi sono stati inquadrate come "attività religiose illegali ' e come tali trattati. Con i nuovi regolamenti , in molte regioni del Paese, chiese, luoghi di culto e strutture ecclesiali sono stati costrette ad esporre un cartello di divieto d'accesso bambini. Chi si rifiuta, chiude.
Totale censura preventiva su ogni pubblicazione via internet  oltre a questo il regime non disdegna di  esercitarsi nei metodi più collaudati di repressione:
campi di "rieducazione " per centinaia di cristiani della regione autonoma Uigur, a Xinjiang, nel nord-ovest del Paese, affinché imparino ad essere fedeli all'ideologia comunista Tali strutture sono note note come "centri di trasformazione mentale"
secondo World Watch Monitor, i cristiani deportati nei campi di "rieducazione" non sanno quanto possa durare la loro permanenza: per un mese, per sei, per anni. Si tratta di  padri e madri  a volte entrambi -, costretti  a lasciare i propri figli, senza sapere nemmeno quando e se potranno rivederli.
I CINESI E IL "BENE COMUNE"
In questo quadro suonano surreali le parole pronunciate in quegli stessi giorni dall'arcivescovo argentino Marcelo Sanchez Sorondo, Cancelliere della Pontificia Accademia delle Scienze: <in questo momento, i cinesi sono coloro che meglio realizzano la Dottrina sociale della Chiesa", ??!! 
Alcuni mesi prima mons. Sanchez Sorondo si era recato in visita a Pechino per la prima volta e ne era tornato entusiasta, al punto da dichiarare all'agenzia vatican Insider: "I cinesi cercano il bene comune Ho trovato una Cina straordinaria,  tutto fa perno intorno al lavoro. Sullo sfondo risuonano le parole di san Paolo: chi non lavora, neppure mangi. ' non ci sono baraccopoli non c'e droga, non ci sono tossicodipendenti. C'e' una coscienza nazionale positiva vogliono dimostrare che sono cambiati,  accettano già la proprietà  privata".
E aggiunge: che in cina si tutela la dignità della persona più che altrove che rispetta l'accordo COP21 sulle emissioni di gas e come chiusa afferma che la cina sta assumendo una leadership morale che gli altri hanno lasciato
A riprova di questo cita i cambiamenti nella politica delle donazioni di organi  ora non più "forzati" ??!!

Parole davvero imbarazzanti di un prelato a sua volta imbarazzante : sostituire il mondo reale con una sua parodia utopica ed irreale non aiuta ad affrontare i problemi, ne a trovare le soluzioni. Parole, cui comunque ha fatto eco l'appello giunto da un qualificato gruppo di personalità cattoliche di spicco di Hong Kong (tra le quali avvocati, docenti universitari, intellettuali,...), che hanno scritto una lettera aperta ai Vescovi di tutto il mondo, chiedendo di opporsi all'accordo tra la Cina ed il Vaticano sulle nomine episcopali, accordo definito "un errore deplorevole ed irreversibile". L'appello e stato rilanciato da varie agenzie internazionali, tra cui Free Cattholics in China, asia news e InfoCattolica. Gli autori di questo appello hanno esplicitamente preannunciato, nel caso i sette "vescovi" illegittimi fossero riconosciuti dalla Santa Sede, la creazione in Cina di "uno scisma nella Chiesa". 


Documentato da radici cristiane

Un uomo che è un uomo DEVE credere in qualcosa (dal film: il mio nome è nessuno)

Finnegan

Il governo cinese perseguita i cristiani e abbatte chiese con ogni pretesto. L'unica chiesa degna di questo nome era quella clandestina, che ora l'accordo mette di fatto fuori legge riconoscendo il clero fantoccio comunista. Da un 'teologo della liberazione' non ci si poteva aspettare altro.
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Paol

Citazione di: johann il 24 Settembre 2018, 10:42:04 AM
C'e'  un sottile "filo rosso" che corre sottotraccia attraverso la trama della storia  e che connette la "testa" di moltissime persone
La domanda è quindi, la Domanda principe : esistono una regia e un progetto e, nel caso chi e qual' è, oppure la direzione è in qualche modo dettata dall'evoluzione tecnologica e dalle nuove conoscenze acquisite dall'umanità ?
Paol
"God, give us grace to accept with serenity
the things that cannot be changed,
Courage to change the things
which should be changed,
and the Wisdom to distinguish
the one from the other. "
di Reinhold Niebuhr,

Finnegan

Dico la mia in attesa che risponda l'interessato.
Esiste una un progetto, come dimostrano fatti che hanno un elevato grado di coesione e unità. Chi siano gli autori è difficile dirlo, ma è comunque possibile avere un'idea abbastanza chiara della direzione che il mondo prende.
Citazioneoppure la direzione è in qualche modo dettata dall'evoluzione tecnologica e dalle nuove conoscenze acquisite dall'umanità ?
Osservazione non banale: la forza primaria dei cambiamenti dell'umanità non è (ad esempio) l'economia ma la tecnologia.
Per esempio, la stampa creò il nazionalismo prima inesistente (una lingua nazionale standard per tutti), la società di massa (informazione standardizzata disponibile per tutti), l'individualismo (la conoscenza attingibile privatamente, mentre prima era condivisa dalla comunità).
Quanto segue è un'estrema sintesi del pensiero di McLuhan e altri (Lewis, Havelock, Innis, Hall) che si sono occupati della questione, e di cui consiglio caldamente la lettura.

La tecnologia elettronica provoca la ri-tribalizzazione dell'umanità: declino della cultura alfabetica (il video sostituisce il libro), ritorno della cultura orale. La civiltà occidentale è legata dai suoi albori all'alfabeto e al libro e senza di essi si dissolve. Evento evitabile a patto che vi sia consapevolezza e volontà politica.

La tecnologia in quanto tale ottunde la consapevolezza umana sui cambiamenti che provoca nella società, al punto da trascinare l'umanità in direzioni del tutto impreviste. Per la sua stessa sopravvivenza, il genere umano non può più permettersi questa inconcosapevolezza, in un contesto in cui in cui cambiamenti epocali avvengono alla velocità della luce.

Da notare che i media spesso descrivono e anticipano con precisione questi cambiamenti. Un noto disegno animato (pubblicherò un video tra un po') diceva che la classe dirigente dell'umanità in realtà non comandava più, ma si faceva guidare dalle previsioni cibernetiche. Una descrizione perfetta della scarsa alfabetizzazione tecnologica che caratterizza persino le élites.

Ed ecco gli scenari più probabili per il futuro:
1. Balcanizzazione dei super-stati, sostituiti da mini-entità etniche (es.: in Florida ormai si parla solo spagnolo, in Georgia c'è una quasi-maggioranza afro-americana ecc.)
2. Fine dei grandi agglomerati amministrativi (Unione Europea), accompagnata da guerre etnico-religiose (ma c'è chi dice anche civili)
3. L'Europa riscoprirà una cultura ricca e complessa, come quella del Medio Evo
4. L'Asia diverrà il baricentro economico del mondo, assumendo i tratti della società di massa e dei consumi
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Risposta rapida

Attenzione: non sono stati aggiunti messaggi in questa discussione negli ultimi 120 giorni.
A meno che tu non voglia realmente rispondere, prendi in considerazione l'idea di iniziare un nuova discussione.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima