Thor Love & Thunder, la morte del mito

Aperto da dotar-sojat, 12 Settembre 2022, 06:32:58 AM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

dotar-sojat

Che la serie di Thor fosse quella più baraccona e sopra le righe della serie Avangers si era capito in fretta, che si arrivasse ad un punto tale da diventare irritante non me lo aspettavo ma lo temevo.
Non sono un fanatico dei fumetti di Thor, ho alcune raccolte di storie classiche e niente più. Sono però un appassionato di miti norreni (il mio primo tatuaggio è stato proprio il simbolo del mjolnir, il martello di Thor) e vedere il Dio del tuono ridicolizzato e castrato così mi fa piangere il cuore.
Sappiamo che la Disney da tempo attua blackwashing alla grande, trovare però ad Asgard metà popolazione di colore (ma perché non ci sono anche cinesi, indiani, arabi, ispanici?) governata da un "Re" donna, lesbica, (cantante rnb) afroamericana sembra più una trollata a chi non si allinea al politically correct. Se chiamassero la bassista dei Maneskin ad interpretare il comandante delle guardie di Wakanda immagino si parlerebbe di scandalo, ma tant'è.
Thor sembra più un surfista anni '80, intento più a cazzeggiare che altro; compare poi LA "mitica Thor" (perché Thor, ahimè, è solo Thor, la mitica è Lei) ovvero la fidanzata Jane Foster del dio del tuono, perché anche se può avere tutte le valkirie del Vallallha lui sceglie la scienziata timida e impacciata ma carina (per lisciare il pelo al pubblico femminile); siparietti imbarazzanti con stormbreaker, la sua ascia da battaglia, che pare gelosa che il suo padrone "ci provi" con il suo vecchio martello, ora in mano appunto a She-Thor; c'è ovviamente la scena in cui Thor viene denudato davanti a Zeus e tutte le ancelle, dove Hemsworth diventa improvvisamente un culturista da mr.Olimpia (CGI?) sempre ad appannaggio del pubblico femminile (ma anche LGBT).
Su Zeus stendiamo velo pietoso, interpretato da quel vecchio panzone che è diventato Russel Crow, che pensa solo a bere e fare orge.
Insomma una vaccata.
Se leggete le recensioni in giro però ne trovate tante entusiastiche, che parlano di ritmo scanzonato (e vabbè), di un Thor divertente, ma soprattutto di tanta bella "inclusione" e girlpower.
Che tristezza.

Spera nel meglio, aspettati il peggio

dotar-sojat

ah, dimenticavo, la sceneggiatrice è una donna.... si capiscono molte cose
Spera nel meglio, aspettati il peggio

Finnegan

La desertificazione simbolica èun'altra arma dell'ingegneria sociale, di recente ho visto la 007 nerA, ne ho riportato segni permanenti :ablow:
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Risposta rapida

Attenzione: non sono stati aggiunti messaggi in questa discussione negli ultimi 120 giorni.
A meno che tu non voglia realmente rispondere, prendi in considerazione l'idea di iniziare un nuova discussione.

Nota: questo messaggio verrà visualizzato solamente dopo essere stato approvato da un moderatore.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Digita le lettere visualizzate nell'immagine
Ascolta le lettere visualizzate / Carica una nuova immagine

Digita le lettere visualizzate nell'immagine:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima