Fine del mantenimento per quelle che ci mangiano su ?

Aperto da Serenissimo, 29 Gennaio 2020, 04:54:29 PM

Discussione precedente - Discussione successiva

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questa discussione.

Serenissimo

https://www.laleggepertutti.it/362040_addio-mantenimento-allex-moglie-che-non-ha-voglia-di-fare-nulla?fbclid=IwAR1HqnimlpoXn0nEjEBZ_8VPe9o1lsqfCtPVtSO3L8osT_-srtI4IPXJp3I

L'assegno di mantenimento non deve andare a fannulloni e pelandroni. Chi non ha voglia di fare nulla, e dopo la fine del matrimonio non si dà da fare per cercare un lavoro, deve dire addio a questo beneficio economico, che altrimenti sarebbe ingiustificato.

Dunque, niente assegno divorzile all'ex coniuge che non ha un lavoro e non prova di essersi attivato per cercarlo, secondo le sue condizioni e nei limiti delle sue concrete possibilità. Lo ha stabilito il Tribunale di Napoli in una recente sentenza [1] richiamando l'orientamento già espresso dalla Corte di Cassazione in proposito: per avere diritto all'assegno bisogna dimostrare non solo l'inadeguatezza dei propri mezzi economici ma anche l'impossibilità di procurarseli per ragioni oggettive.

Inadeguatezza dei mezzi significa, secondo il tribunale napoletano, non autosufficienza economica, ed era questo il caso della signora 54 enne che aveva richiesto ai giudici la corresponsione dell'assegno da parte dell'ex marito (un medico con un reddito imponibile accertato di quasi 100 mila euro annui, successivamente ridotto per cambiamento di incarichi professionali e abbandono della docenza universitaria).

Ma questo, secondo i giudici napoletani, non basta: per evitare il «rischio di creare rendite di posizione» occorre che l'ex coniuge – a meno che non sia assolutamente incapace a procurarsi mezzi economici – debba attivarsi nella ricerca di un lavoro. I giudici lo definiscono «principio di autoresponsabilità» di ciascuno degli ex coniugi e si riportano all'insegnamento in proposito della Cassazione [2] che già da tempo dice addio al mantenimento per la ex moglie che può lavorare.

«La funzione dell'assegno divorzile non è quella di ricostituire il tenore di vita coniugale, ma principalmente di assistere il coniuge privo incolpevolmente di mezzi adeguati», proclama un'altra e ancor più recente sentenza della Suprema Corte [3].  Fin qui i principi generali; ma cos'era successo nel caso specifico e perché l'assegno è stato rifiutato?

Ecco come il Tribunale ha stabilito che la donna fosse in grado di lavorare ma non si era attivata per farlo: vero è che aveva più di 50 anni (un'età non facile per cercare un nuovo lavoro) ed era priva di fonti proprie di reddito, ma risultava che era iscritta all'Università, facoltà di medicina, ed era fuori corso da ben 24 anni. Inoltre – osservano i giudici «non ha mai lavorato né è stato dedotto che abbia mai cercato lavoro, non essendo nemmeno iscritta al Collocamento provinciale».

Approfondendo l'esame sulla vita trascorsa dalla signora, i giudici rilevano che si sposò quando era già da 11 anni fuori corso, mentre il marito era già a quel tempo un professionista affermato. E, soprattutto, nel corso del giudizio per ottenere l'assegno di mantenimento, la richiedente si è limitata a richiamare «la propria condizione di "studentessa universitaria", senza nemmeno dedurre di aver ripreso gli studi e di aver fatto ulteriori esami o di avere cercato un inserimento nel mondo del lavoro».

Strada chiusa dunque per ottenere l'assegno: durante tutto il periodo di 8 anni trascorsi dal momento della separazione coniugale, «è rimasta inerte, senza alcun impegno alla conclusione degli studi universitari né alla ricerca di un lavoro». E non ha fornito neanche la prova di aver contribuito, con la propria attività familiare, all'accrescimento del patrimonio coniugale, permettendo al marito di dedicarsi maggiormente alla professione, o di aver rinunciato ella stessa a proprie aspirazioni lavorative per consentire al marito di realizzare le sue. Al contrario, l'ex marito ha dimostrato che l'intero apporto di beni patrimoniali e di mezzi economici proveniva da lui.

Così la "studentessa matura" che non era impossibilitata a lavorare, ma non si era mai attivata per farlo ha visto bocciata dal tribunale la sua richiesta di ottenere l'assegno divorzile, che nel suo caso – osservano i giudici napoletani – avrebbe costituito una «rendita parassitaria». Leggi anche quando spetta l'assegno divorzile e assegno di divorzio: diritto solo in 4 casi.
Da una dona a un molin no gh'è gran diferenza.

Finnegan

"Rendite parassitarie" :lol:
Per completezza bisogna aggiungere che questo indirizzo giurisprudenziale è tutt'altro che consolidato e che l'ultima sentenza della Cassazione segna un parziale ritorno al criterio del tenore di vita al tempo del matrimonio.
Quindi: queste sentenze si possono ben citare in fase di separazione, lo studio di queste cause può aiutare ad impostare la liena difensiva MA i giudici sono liberi di fare come vogliono e molto probabilmente la lor sentenza non sarà consì favorevole.
Sostienici con una donazione: www.coscienzamaschile.com/dona

Riverrun, past Eve and Adam's, from swerve of shore to bend of bay, brings us by a commodius vicus of recirculation back to Howth Castle and Environs

Risposta rapida

Attenzione: non sono stati aggiunti messaggi in questa discussione negli ultimi 120 giorni.
A meno che tu non voglia realmente rispondere, prendi in considerazione l'idea di iniziare un nuova discussione.

Nome:
Email:
Verifica:
Lasciare vuota questa casella:
Cognome del Presidente della Repubblica (minuscolo)?:
Scorciatoie: ALT+S invia msg / ALT+P anteprima